Costringeva la compagna a prostituirsi, arrestato ex calciatore dell’Avellino

Costringeva la compagna a prostituirsi, arrestato ex calciatore dell’Avellino

29 gennaio 2016

Notizia choc nel mondo del calcio: il calciatore palermitano Fabrizio Lasagna è stato arrestato e condannato a sei anni e otto mesi in rito abbreviato.

Motivo?

Istigazione alla prostituzione, il 28enne infatti avrebbe indotto la ex compagna a prostituirsi anche durante la gravidanza, costringendola a rapporti di gruppo e la avrebbe anche violentata e perseguitata. La storia tra i due era cominciata nel 2013, quando dopo un primo idillio e le promesse d’amore si è trasformata in un autentico inferno, la donna veniva forzata ad incontrare oltre venti uomini al giorno in appartamenti siti a Palermo, all’Addaura e a Partanna Mondello, ma anche a Milazzo e in Svizzera.

fabrizio lasagna

Fabrizio Lasagna con la maglia dell’Avellino.

Il calciatore, ex attaccante per brevi periodi di società di A e B ma soprattutto di Lega Pro, è un ex dell’Avellino, avendo vestito la casacca biancoverde dopo l’esaltante stagione in serie D con il Milazzo. In Irpinia Lasagna non ha mai convinto, un anno e mezzo tra tante ombre e pochissime luci, prima del trasferimento al Casale. Le sue ultime presenze sul rettangolo di gioco le ha registrate con la maglia del Messina, prima di appendere a tempo di record gli scarpini al chiodo.

La pena inflitta dai magistrati prevede anche un risarcimento del danno alla ex fidanzata, imparentata – tra l’altro – con esponenti della mafia locale ed è stata proprio la zia, sposata con un boss, a convincere la giovane a denunciare l’accaduto.