Corruzione in atti giudiziari: giudice mercoledì davanti al gip

20 gennaio 2020

di Andrea Fantucchio – E’ previsto per mercoledì l’interrogatorio del giudice irpino finito ai domiciliari con l’accusa di corruzione in atti giudiziari. Il magistrato tributario è finito nell’indagine Ground Zero 2 che ha investito la Commissione tributaria regionale con sede distaccata a Salerno.

Il giudice, già raggiunto dai domiciliari a ottobre, è stato raggiunto dalla nuova misura cautelare, dopo le dichiarazioni rese ai Pm da due co-indagati. Nel mirino degli inquirenti sono finite due sentenze, del quale il magistrato è relatore, che sarebbero state “aggiustate” in cambio di 10mila euro (5mila euro per pronuncia, secondo l’accusa).

Il giudice, attraverso il suo legale Raffaele Tecce, ha respinto tutte le accuse. E, ora, potrà provare a chiarire la sua posizione davanti al gip.