Coronavirus, De Luca: carta identità in ristoranti e controlli per chi arriva dall’Est Europa

Coronavirus, De Luca: carta identità in ristoranti e controlli per chi arriva dall’Est Europa

31 Luglio 2020

Controlli serrati per chi arriva dall’Est Europa in Campania e obbligo di fornire almeno una carta di identità per ogni tavolo che siede ai ristoranti perché sia più agevole un’eventuale ricostruzione dei contatti e non vi sia qualcuno che rilasci generalità false, come accaduto. Sono queste le ultime iniziative anticontagio cui sta pensando il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, per arginare il contagio da Covid-19.

“Stiamo valutando due altre misure da prendere. Sto valutando anche altre ordinanze da fare”, annuncia a margine di un appuntamento a Salerno. “La prima – spiega – riguarda gli arrivi in Italia e, per quello che ci riguarda in Campania, dei pullman che vengono dai Paesi dell’Est Europa. Continuano ad arrivare pullman senza nessun controllo dall’Ucraina, dalla Romania, dalla Bulgaria. Abbiamo rilevato che la gran parte dei focolai, oggi, sono di importazione, vengono dai Paesi esteri. Quindi, dobbiamo trovare delle forme di controllo preventivo. Stiamo valutando, con la Protezione civile, il tipo di ordinanza, ma vogliamo fare in modo che nessuno scenda da un pullman dall’estero senza aver avuto un controllo preventivo”.

Quanto alla seconda, il governatore chiarisce che si tratta della possibile introduzione dell’obbligo, “per chi va al ristorante, di fornire la carta di identità”.