Conza, Ciccone: “Sarò il sindaco di tutti. Ora lavoriamo insieme per bene del paese”

Conza, Ciccone: “Sarò il sindaco di tutti. Ora lavoriamo insieme per bene del paese”

11 giugno 2018

“E’ stata una campagna elettorale dal sapore amaro ed una notte di attesa, lunga e faticosa. La vittoria per noi e per tutto il paese è giunta anche se, i voti che ci distanziano dalla lista avversaria, sono pochi”.

Luigi Ciccone, il neo sindaco di Conza della Campania, il giorno dopo la sua elezione con moderazione parta della sua vittoria. Ed analizza ogni momento della campagna elettorale da pochi giorni terminata e caratterizzata da scontri ad alta tensione.

La stessa tensione che ha caratterizzato, sopratutto in quest’ultima notte, il duello tra ‘Progetto comune per Conza’ giudicato da Pasquale Imbriani e la squadra di Ciccone ‘Conza al Centro’. Un testa a testa che ha visto Ciccone superare l’avversario solo nel rush finale con soli otto voti di vantaggio che, ne hanno poi, attestato la vittoria.

Per il neo eletto, un bancario in pensione, non è la prima esperienza amministrativa. Ciccone ha gia indossato la fascia tricolore negli anni ’90. Ora insieme alla sua squadra ‘Conza al Centro’ vuole, però, recuperare il tempo perso.

Vuole ridare respiro ad un “comune paralizzato e vuole valorizzare le bellezze ed il patrimonio storico – culturale dell’antica Compsa. Massima attenzione all’ambiente e sopratutto alla rinascita di un paese che deve tenere stretti a sé i giovani, vera potenzialità e ricchezza per il futuro”.

Un solo appello è diretto agli avversari politici. “Basta veleni. Che facciano un’opposizione seria e costruttiva. Quando avete avuto la possibilità di amministrare questo comune – ha spiegato Ciccone –  oltre alle parole e ai tanti progetti decantati non avete fatto nulla. E’ giunto il momento di dare risposte concrete ai cittadini, di rispondere ai disagi che ostacolano l’equilibrio cittadino ed essere un concreto e costante punto di riferimento per la cittadina. Sarò il sindaco di tutti”.

Tra le priorità da realizzare “la sistemazione delle strade rurali, arterie completamente abbandonate e – ha precisato il sindaco –  la valorizzazione della nostra storia, l’antica Compsa, borgo storico che, ricordiamo, attualmente è chiuso per motivi di sicurezza. Sono tante le cose da fare e, insieme ai nostri cittadini e all’opposizione, se vorrà collaborare per il bene comune, vogliamo dare a Conza l’opportunità di rinascere. Una primavera per Conza è possibile”.

Attesa per l’insediamento del nuovo Consiglio Comunale che dovrebbe realizzarsi tra a giorni.