Contrabbando e traffico di droga dall’Albania: anche un’irpina nella rete

Contrabbando e traffico di droga dall’Albania: anche un’irpina nella rete

10 gennaio 2018

Importante operazione portata a termine dalla Guardia di Finanza di Brindisi, che ha dato esecuzione ad un provvedimento di custodia cautelare in carcere, emesso dal G.I.P. del Tribunale locale, nei confronti di 9 soggetti: 7 italiani e 2 albanesi. Tra questi anche un’irpina, L.S., 48enne originaria di San Martino Valle Caudina ma residente da tempo in Puglia.

L’operazione ha portato alla luce un articolato sistema di contrabbando di sigarette ed alcool provenienti da Olanda, Lituania e Polonia, ma anche un traffico di sostanze stupefacenti tra Italia e Albania.

I contrabbandieri disperdevano il carico originario (sigarette o alcool) e lo sostituivano con un altro di copertura di scarso valore. Quest’ultimo veniva fatto transitare, attraverso la Dogana di Brindisi, accompagnato da atti pubblici modificati e da dichiarazioni mendaci, strumentali a svincolare le somme versate all’atto dell’ingresso dell’originaria merce sensibile sul territorio comunitario, quale garanzia per i dazi doganali, l’IVA, le accise ed ogni altro onere previsto.

Le Fiamme Gialle, in sinergia con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane, hanno sventato tali attività illecite. Inoltre, nel corso degli accertamenti effettuati, sono stati individuati i componenti di un ulteriore sodalizio criminale particolarmente attivo nel traffico di sostanze stupefacenti e dedito all’organizzazione di diversi viaggi, tra l’Albania e l’Italia, finalizzati al trasporto di droga da destinare al mercato interno.

Nella serata del 15 dicembre 2016, nella zona costiera di Lendinuso, Marina di Torchiarolo (BR), sono stati sorpresi alcuni soggetti intenti ad operare uno sbarco di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione, le Fiamme Gialle hanno sequestrato, complessivamente, 480 chilogrammi di marijuana, un’autovettura ed un potente motoscafo.