Consorzio A6 presente a Forum Nazionale di Napoli

12 novembre 2012

Presso il Palazzo Pico, a Napoli, si è svolto questa mattina l’evento “Verso il World Forum for Child Welfare 2012”, tappa di avvicinamento al Forum internazionale sul benessere del bambino in programma alla Stazione marittima di Napoli dal 26 al 29 novembre. Tra i relatori, oltre a Vito Giacalone, direttore generale Mentoring Usa/Italia, Antonio Oddati, coordinatore AGC “Assistenza sociale della Regione Campania, anche Carmine De Blasio, direttore Consorzio dei Servizi sociali Ambito A6. L’assessorato regionale, promotore dell’iniziativa odierna, ha inteso coinvolgere l’ambito A6 perché portasse l’esperienza e la testimonianza di un lavoro che da anni tiene in forte considerazione la condizione dell’infanzia e dell’adolescenza. L’Albero dei Piccoli (ludoteche per la prima infanzia), il servizio di educativa domiciliare rivolta ai minori, gli interventi a favore dei minori stranieri nelle scuole, l’assistenza specialistica agli alunni diversamente abili, le attività di socializzazione e di ludoteca durante il periodo estivo, il servizio di mediateca e di babysitteraggio. Il centro per minori a rischio che evita l’allontanamento del bambino o del ragazzo dal proprio nucleo familiare. Le attività di formazione sull’affido e il servizio di adozione nazionale e internazionale. Sono queste le “cose” concrete che il Consorzio A6 realizza nel proprio ambito a sostegno delle famiglie e a difesa dell’infanzia e dell’adolescenza. Ogni anno inoltre l’Ambito A6 organizza una Conferenza sull’Infanzia e la Famiglia mettendo al centro del confronto e dello studio i temi più attuali che riguardano il bambino e i genitori. Tuttavia ogni servizio, ogni progetto, ogni tentativo di interessarsi all’infanzia risulterà sempre insufficiente se non è costantemente accompagnato da una adeguata cultura e una giusta attenzione verso l’universo dei bambini. Da questo punto di vista – conclude la nota del ConsorzioA6 – un ruolo insostituibile è quello dei genitori che mai devono abbassare la guardia e vigilare ogni giorno partecipando i contesti di vita del proprio bambino nella consapevolezza che vi sono professionisti qualificati e pronti a dare un consiglio e un sostegno.(Alberto D’Errico)