Confindustria, Giorgio lascia la Piccola Industria: tocca a Iapicca

Confindustria, Giorgio lascia la Piccola Industria: tocca a Iapicca

13 giugno 2019

Cambio di testimone  per la Piccola Industria di Confindustria Avellino. Il Presidente in carica Andrea Giorgio, amministratore della Tecnologia Srl, e vice Presidente di Confindustria Avellino con delega all’innovazione, ha lascia l’incarico che ha retto per l’intero mandato di quattro anni, nel corso dell’assemblea degli associati convocata per il rinnovo delle cariche.

A raccogliere la sua eredità  sarà Massimo Iapicca, amministratore della Bestefa Srl, eletto all’unanimità dall’assemblea. Nel discorso di commiato  Andrea Giorgio ha sottolineato ancora una volta il ruolo della piccola industria che costituisce la principale infrastruttura sociale del nostro Paese, e  ribadito che il tessuto imprenditoriale locale vanta molte eccellenze, vi sono  competenze ed effervescenza, ma bisogna fare in conti con i freni della burocrazia e la lentezza della pubblica amministrazione.

Nell’illustrare le linee programmatiche della sua presidenza, Iapicca ha toccato le principali tematiche che interessano le imprese, dal coinvolgimento del territorio, alla formazione e quindi al rapporto con  scuole, università e ITS, dal rapporto con le banche, all’internazionalizzazione, ponendo in evidenza il ruolo strategico dell’associazione in quanto forza propulsiva che può fare da collante tra impresa ed istituzioni per contribuire allo sviluppo del territorio e valorizzare le capacità delle nostre piccole imprese.

Ad affiancare il neo Presidente nel suo nuovo incarico, la squadra del Direttivo che, tra conferme e nuovi incarichi, saprà muoversi in continuità, ma con rinnovato slancio ed impegno. Ne fanno parte Salvatore Amitrano (Pasell Srl), Francesca Capone ( HTT Srl), Antonio Capaldo (Panta Rei Srl), Angelo Petitto (CTP Srl), Nunzia Petrosino (Condor Spa) e Stefano Scauzillo (Essequadro Srl).

L’assemblea si è conclusa con un momento conviviale per desiderio del Presidente uscente Andrea Giorgio, per brindare ai nuovi eletti, e poter salutare e ringraziare i colleghi e gli amici che lo hanno accompagnato nel suo percorso.