Confconsumatori arriva in Irpinia: primo sportello aperto ad Altavilla

Confconsumatori arriva in Irpinia: primo sportello aperto ad Altavilla

7 ottobre 2019

È stato ufficialmente inaugurato il nuovo sportello di Confconsumatori ad Altavilla Irpina con sede in Viale San Francesco D’Assisi 80. Sarà un presidio importante tanto per l’associazione quanto per i cittadini, poiché si tratta della prima sede che finalmente nasce anche in Irpinia.

Gli utenti potranno chiedere informazioni, ovvero ricevere assistenza e tutela legale in tutte le questioni che riguardano i propri diritti relativi a: Servizi e fatture di gas, luce, acqua, telefonia e internet; Trasparenza dei contratti, clausole vessatorie; Diritti di chi viaggia (treno, aereo, nave, bus, multe); Garanzie post-vendita, danno da prodotto difettoso; Difesa del risparmiatore, rapporti con le banche; Tutela della salute; Servizi postali e assicurativi; Problemi con la Pubblica Amministrazione; Acquisti online e sicurezza nel web e Tutela degli inquilini.

Non più soli: Marta De Leucio, responsabile del nuovo sportello, sarà a disposizione dei consumatori nella sede Confconsumatori in Viale San Francesco D’Assisi n.80 tutti i lunedì e i mercoledì dalle 18,30 alle 20,30. Per informazioni o appuntamenti sono stati predisposti i seguenti contatti: tel 349/0965069 – e-mail martadeleucio@hotmail.it.

«Nel ringraziare Confconsumatori per la fiducia riposta in me – dichiara Marta De Leucio – spenderò le mie energie e le mie competenze per tutelare tutti i consumatori in difficoltà, incoraggiandoli ad esercitare pienamente i propri diritti, grazie a una maggiore informazione e consapevolezza. Insieme alle altre sedi campane e coordinandoci con la sede nazionale, lavoreremo per risolvere i problemi quotidiani dei consumatori che vivono il nostro territorio».

CHI È CONFCONSUMATORI – Confconsumatori è un’associazione nazionale senza scopo di lucro, indipendente da partiti, sindacati, categorie economiche e pubblica amministrazione. La sede nazionale è nata a Parma nel 1976, quando 437 donne organizzarono il primo sciopero dei consumatori in Italia, per fermare la speculazione sul prezzo del Parmigiano. Conta oltre 30.000 associati ed esprime un componente all’interno del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), presieduto dal Ministro dello Sviluppo Economico.