Condannato per omicidio, scarcerato per aiutare la Misericordia

Condannato per omicidio, scarcerato per aiutare la Misericordia

2 aprile 2020

di AnFan – Condannato per omicidio e rapina, scarcerato farà l’autista del 118. Lo ha deciso il magistrato di Sorveglianza di Avellino. Il giudice ha concesso l’affidamento in prova provvisorio e urgente a un 32enne del salernitano detenuto presso il carcere irpino. L’uomo è familiare di un boss della zona.

Nel ricorso del suo avvocato, Michele Scibelli, c’era un stralcio dedicato proprio alla questione del reinserimento sociale, garantito dall’attività di barelliere soccorritore. Un lavoro preziosissimo in un momento storico così delicato.
Il 32enne aveva già scontato oltre dodici anni e aveva un residuo pensa inferiore a quattro. Dopo oltre metà della vita passata in carcere, ora ha una prima concreta occasione di reinserimento sociale.