Concorso Scuola 2016, le novità e gli esclusi dal bando

Concorso Scuola 2016, le novità e gli esclusi dal bando

19 febbraio 2016

E’ partito il conto alla rovescia per il concorso per 63.712 insegnanti: le ultime limature apportate ai tre bandi, sono state comunicate oggi pomeriggio al Miur, nel corso di un incontro con le organizzazioni sindacali. Entro martedì prossimo, i bandi approderanno in Gazzetta Ufficiale, contestualmente al decreto contenente le nuove classi concorsuali, ridotte di un terzo e collocate in 8 ambiti disciplinari.

Per la fine del mese, probabilmente da lunedì 29 febbraio, come confermato dalla stampa specialistica, dovrebbe anche essere aperta la piattaforma on line da mettere a disposizione degli oltre 200mila candidati attesi. “Sono confermati i 63.712 posti totali, di cui 57.611 comuni (relativi, cioè, alle varie discipline) e 6.101 di sostegno”, ha fatto sapere l’amministrazione.

In base a quanto si apprende, nulla sarebbe cambiato per quanto concerne i requisiti di accesso al concorso: rimangono esclusi, in modo illegittimo, i giovani laureati, i precari non abilitati con 36 mesi di servizio, i docenti di ruolo, oltre che degli specializzandi nel sostegno e abilitandi nelle discipline.

L’Anief conferma che, non appena saranno ufficializzate le esclusioni, renderà pubbliche le modalità per partecipare comunque al concorso: tutti i candidati esclusi, in possesso dei titoli di studio, anche se non abilitati o già di ruolo, verranno informati su come impugnare il bando che li vede ingiustamente esclusi dalla competizione che porta dritti all’immissione in ruolo. Così Marcello Pacifico (presidente Anief): “Consigliamo i laureati interessati al concorso, come i docenti di ruolo esclusi, a presentare la domanda di partecipazione al concorso a cattedra. E, contestualmente, di ricorrere al Tar. Indicazioni dettagliate verranno fornite non appena verranno resi pubblici i bandi: l’obiettivo rimane quello, come già accaduto in occasione di altre esclusioni illegittime, di partecipare con riserva alle selezioni”.