Conclusa la protesta detenuti al carcere di Avellino

Conclusa la protesta detenuti al carcere di Avellino

17 novembre 2016

Si è conclusa in maniera pacifica la protesta inscenata da una ventina di detenuti presso il carcere di Avellino.

Dalle ore 18 di ieri sera i ristretti si erano barricati all’interno della sala di socialità, rifiutandosi di tornare nelle celle.

Il direttore della Casa Circondariale, Paolo Pastena, insieme al comandante della Polizia Penitenziaria, Attilio Napolitano, attraverso una lunga trattativa è riuscito a convincere i detenuti a fermare la protesta, scattata in segno di solidarietà nei confronti di un altro detenuto che era stato trasferito in isolamento, sembra, come riporta l’Ansa, dopo aver aggredito e sputato contro un agente della Polizia Penitenziaria.

Quest’ultimo, come denunciano i sindacati, insieme a un collega coinvolto nell’aggressione, ha riportato contusioni medicate in ospedale ad Avellino.

Il detenuto in questione, che resta in cella di isolamento, è un 35enne napoletano, che sta scontando una condanna per reati legati alla criminalità organizzata.

Attualmente sono circa 600 i detenuti reclusi ad Avellino.