Comune, il Bilancio passa ma si apre la fase di un governo di minoranza

Comune, il Bilancio passa ma si apre la fase di un governo di minoranza

15 luglio 2016

Alla fine il bilancio è passato con il voto di soli 11 consiglieri di maggioranza. Nel dettaglio, dopo l’appello nominale per il voto, 11 sono stati i favorevoli, 9 i contrari e 2 gli astenuti.

Foti incassa il sostegno di una maggioranza risicata ed intraprenderà un governo di minoranza come ribadito nel suo discorso prima delle dichiarazioni di voto.

Il sindaco riconosce in questi 11 consiglieri la sua maggioranza ed ha fatto intendere di non pensare minimamente alle dimissioni, sfidando Festa e i dameliani a sfiduciarlo in aula.

Duri i commenti delle opposizioni. Il consigliere Giordano ha evidenziato la condizione traballante di questa Amministrazione:

“L’onestà – afferma ilo deputato Sel, rivolto al sindaco –  le avrebbe dovuto far dire che questo è un governo di minoranza. Gli 11 voti sono una cosa tecnica, ma non bastano alla politica né alla democrazia né a quello che dice di voler fare. Festa, invece di appendere quei manifesti per la città, e Cucciniello sarebbero potuti venire stasera e mandare a casa il sindaco. Perché se Festa avesse detto quello che ha appeso sui muri, Foti sarebbe caduto.”

Sulla stessa linea Nadia Arace:

“Dagli assenti mi sarei aspettata atti coraggiosi e consequenziali rispetto a quanto sento nei corridoi o leggo sui giornali. Perchè il gruppo davvero e i dameliani non votano il bilancio? C’è una componente che lucra sul logoramento del sindaco”.