Comune e Regione, D’Ercole: “Malesseri dovuti alle poltrone”

18 maggio 2005

Avellino – “La nuova consiliatura alla Regione Campania parte con il piede sbagliato”. Così si apre la nota a firma dell’esponente di Alleanza Nazionale a Palazzo Santa Lucia, Franco D’Ercole, che denuncia l’inspiegabile lungaggine in tema di giunta regionale. “E’ intollerabile il ritardo con cui si sta procedendo alla composizione della giunta. E‘ evidente che non sono stati trovati ancora gli accordi. La maggioranza litiga sulla spartizione delle poltrone, dimostrando quanto siano precari gli equilibri all’interno dei partiti della Margherita. Sulla conclusione delle trattative in corso pesa il ‘ricatto’ dell’Udeur. Mi auguro che al più presto si definisca la giunta, in modo da poter avviare l’attività. I cittadini e gli enti locali, infatti, sono penalizzati da questo grave immobilismo. Auspico che possano essere trovate le condizioni per formare una squadra valida e capace, in grado di affrontare in modo efficace le tante problematiche del territorio. E devo denunciare con rammarico che una vicenda simile si registra anche al comune di Avellino, dove l’Udeur chiede al sindaco il riequilibrio all’interno della giunta. Una richiesta che di fatto sta impedendo il raggiungimento di un accordo sul bilancio. I tempi a disposizione sono strettissimi, poco più di dieci giorni per approvare l’importante strumento contabile. Anche in questo caso sono i cittadini a pagare. I ritardi nascondono malesseri sorti solo per ragioni di poltrone e interessi diversi dai problemi veri della città”.