Commissioni: Affari generali ad Aquino, Lavori Pubblici a Iacovacci. La Bilancio ancora ferma

Commissioni: Affari generali ad Aquino, Lavori Pubblici a Iacovacci. La Bilancio ancora ferma

12 ottobre 2018

Marco Imbimbo – Si va completando il quadro delle commissioni consiliari, anche se mancano ancora due organismi all’appello. Dopo l’insediamento ufficiale di ieri delle commissioni “Urbanistica”, “Cultura” e “politiche sociali e abitative”, oggi è stata la volta delle prime quattro commissioni: “Personale e affari generali”; “Trasparenza”; “Bilancio”; “Lavori pubblici”.

Solo due su quattro sono riuscite ad insediarsi e eleggere presidente e vice. La prima commissione (Personale e affari generali) ha nominato Antonio Aquino (M5S) presidente, mentre il ruolo di vice è andato a Nello Pizza (Popolari). Nella commissione “Lavori Pubblici” c’è stato un testa a testa tra Ettore Iacovacci (Avellino democratica) e Lazzaro Iandolo (Forza Italia) con ognuno che ha preso un voto, il proprio in pratica, mentre gli altri tre componenti si sono astenuti. Alla fine l’ha spuntata Iacovacci per il criterio dell’anzianità, diventando presidente con Iandolo che gli farà da vice.

Prima dell’inizio dei lavori della commissioni, lo stesso Iacovacci aveva rassegnato le proprie dimissioni da vice presidente del consiglio comunale, per non incorrere in incompatibilità di carica. Quindi la prossima Assise cittadina sarà chiamata a nominare il vice del presidente Ugo Maggio.

Nessuna elezioni, invece nelle commissioni “Trasparenza” e “Bilancio”. Nel primo caso, l’organismo non è riuscito ad insediarsi in quanto era presente un solo componente, Leonardo Festa (Mai più). Nel caso dell’altra commissione, invece, l’incontro è cominciato, ma non è stato possibile procedere con l’elezione di presidente e vice. L’assenza dell’unico consigliere di maggioranza, Lorenzo Ridente (M5S), ha di fatto bloccato i lavori. Da regolamento, essendo questa una commissione di controllo, la presidenza va all’opposizione mentre il ruolo di vice alla maggioranza. Senza la presenza di Ridente, però, non è stato possibile procedere alle nomine.

La commissione è stata riconvocata per martedì. Tra l’altro c’era grande attesa per questo organismo, visto che sarà uno dei primi a doversi mettere subito all’opera. La commissione Bilancio dovrà occuparsi di valutare il Consuntivo 2017 e dare il proprio parere prima che arrivi in Consiglio Comunale. I tempi intanto stringono perchè la Prefettura, ieri, ha diffidato il Consiglio Comunale ad approvare il documento contabile entro 20 giorni, ma senza passaggio in commissione Bilancio non può arrivare in Aula.