Come funziona il trading Forex? Guida agli investimenti con le valute

Come funziona il trading Forex? Guida agli investimenti con le valute

4 novembre 2019

Il trading online è un settore in forte crescita, un ambito che detiene sicuramente un grande fascino, sebbene si tratti di un’attività rischiosa, a causa della possibilità di incorrere in perdite del capitale investito. Un mercato particolarmente in auge è il Forex, in cui è possibile speculare sugli andamenti delle quotazioni delle valute estere. Cerchiamo di capire come funziona il trading Forex, quali sono le sue caratteristiche principali e come avvicinarsi nel modo giusto, mantenendo sempre le dovute cautele.

Cos’è il Forex?

Oltre ai mercati borsistici azionari, dove viene effettuata la compravendita di titoli di imprese quotate, è possibile investire all’interno del Forex. Si tratta di un mercato telematico, ovvero senza sede fisica ma completamente digitalizzato, dove vengono scambiate le valute estere appartenenti a quasi tutti i paesi del mondo. Attualmente il Forex (FX) è considerato il settore finanziario più liquido del pianeta, con scambi giornalieri che secondo gli analisti superano i 5 trilioni di dollari.

Tale cifra è dovuta alle caratteristiche stesse del Forex, poiché quando si realizzano operazioni in realtà non si comprano effettivamente le divise, ma si specula sulle variazioni di prezzo dei rapporti di cambio. In poche parole le somme sono elevate, tuttavia i trader guadagnano (o perdono) in base all’andamento delle valute relazionate ad altre di riferimento, le cosiddette coppie. Prima di entrare nel dettaglio, suggeriamo di consultare sempre siti web specializzati per ottenere maggiori informazioni, come TradingOnlineForex.com.

Come funzionano le transazioni nel Forex

Per capire il funzionamento del mercato Forex è importante intendere il meccanismo delle transazioni valutarie. Questo processo è simile a quello applicato a chi lavora con paesi esteri, oppure alle operazioni di cambio che si realizzano quando si viaggia al di fuori dell’Europa. Se riceviamo un pagamento da una società che risiede negli USA, ad esempio, la transazione sarà effettuata in dollari, quindi otterremo un importo legato al tasso di cambio indicato in quel momento specifico.

Allo stesso tempo, se possediamo dei soldi in un conto bancario italiano, ma ritiriamo contanti presso uno sportello automatico a Londra, la somma erogata dall’ATM sarà vincolata al medesimo tasso di cambio previsto in quel giorno. Ciò significa che, in base all’andamento delle quotazioni, mille euro possono rappresentare un valore più o meno alto quando vengono cambiati in sterline, dollari americani e altre valute estere. Quindi, il potere d’acquisto di quella somma cambierà in base ai tassi di cambio, secondo il principio della domanda e dell’offerta che rappresenta la base del mercato Forex.

Come fare trading nel Forex

Dopo aver inteso tale meccanismo è facile capire come funziona il Forex, allo stesso tempo esistono delle differenze sostanziali. Gli investitori infatti non comprano realmente migliaia o milioni di divise, ma come abbiamo visto in precedenza si specula sui tassi di cambio, attraverso l’utilizzo di strumenti finanziari e piattaforme specializzate nel trading Forex. Ad esempio, investendo sul cambio euro/dollaro americano (EUR/USD secondo le sigle usate nel Forex), con un rapporto di 1:1,107, se dopo un certo periodo questo rapporto cresce sarà possibile ottenere un profitto, rivendendo la coppia a un valore superiore.

Al contrario, invece, se il rapporto scende si riporteranno delle perdite, a seconda dell’importo dell’investimento e alla percentuale di calo della quotazione. Nel Forex, tramite l’utilizzo di strumenti derivati come i CFD (contratti per differenza) è possibile fare trading sia con previsioni al rialzo che al ribasso, perciò potenzialmente si può ottenere un guadagno indifferentemente dall’andamento della coppia, purché l’analisi effettuata si riveli esatta.

Per pianificare strategie di trading Forex è possibile avvalersi di due tecniche molto importanti, l’analisi tecnica e quella fondamentale. La prima prevede lo studio analitico dei grafici, individuando opportunità d’investimento in base ai movimenti delle quotazioni delle coppie di valute, il secondo prende in considerazioni fattori macroeconomici, come gli indicatori sulla disoccupazione, le politiche economiche e gli indici di fiducia di consumatori e imprese nei vari paesi.

Come investire nel Forex

Ovviamente non è possibile acquistare divise senza aprire un apposito conto di trading. Per farlo bisogna rivolgersi alla propria banca, qualora metta a disposizione strumenti adeguati a questo tipo di attività finanziaria, oppure a dei broker specializzati nel Forex. In entrambi i casi gli investimenti si eseguono online, dal pc attraverso piattaforme desktop, oppure dai dispositivi mobili come smartphone e tablet, utilizzando delle applicazioni di trading Forex per device Android e iOS.

Dopodiché è necessario fare un deposito iniziale, per cominciare a studiare i grafici degli andamenti e capire su quali asset investire. Nonostante questo mercato offra grandi opportunità, il trading finanziario rimane comunque un’attività ad alto rischio di perdita del capitale, perciò è indispensabile agire con cautela, ponderare il livello di rischio e adottare uno stile prudente adatto alla propria conoscenza del settore, alle disponibilità economiche e agli obiettivi che si vogliono perseguire.

Qualunque trader alle prime armi dovrebbe affidarsi soltanto a broker online seri e affidabili, in grado di fornire materiale formativo di alta qualità, supporto e strumento dedicati, come conti demo per fare pratica, corsi e seminari. Ad ogni modo è consigliabile affrontare il trading Forex adottando un atteggiamento cauto, considerando il tempo necessario affinché sia possibile conoscere le basi tecniche essenziali, prima di lanciarsi nel mondo degli investimenti finanziari valutari.