Clan Graziano, nuovi sviluppi: scoperti i congegni dell’arsenale

15 maggio 2008

Quindici – A seguito del sequestro dell’arsenale del Clan Graziano avvenuto nella mattinata di ieri ad opera dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, emergono nuovi sviluppi sulla dinamica del sequestro e sulle modalità di custodia delle micidiali armi.
I Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno dovuto battere palmo a palmo l’abitazione sottoposta a sequestro per trovare le armi, abilmente occultate e pronte all’uso. Gli appartenenti al Clan avevano abilmente ricavato delle intercapedini all’interno delle porte blindate di accesso alle abitazioni per custodire le armi pronte e cariche e gli scanner con cui intercettare le conversazioni delle forze dell’ordine.
Attraverso un meccanismo a molla si accedeva al nascondiglio, di difficile localizzazione, che garantiva un pronto impiego della pistola trovandosi all’interno della porta di accesso, e una garanzia contro le eventuali perquisizioni perché la porta blindata avrebbe reso innocua qualsiasi apparecchiatura atta a rilevare i metalli. La custodia nell’intercapedine di scanner per intercettare le conversazioni delle Forze dell’ordine, invece, li salvaguardava da eventuali blitz durante le riunioni che venivano organizzate in quell’abitazione.
Le armi “pesanti”, come il fucile e la carabina, invece, erano state nascoste sotto un cumulo di detriti all’interno di un’ala del palazzo il cui accesso era consentito solo attraverso una balaustra esterna. Per salvaguardarle dalla polvere e dai detriti, erano state abilmente lubrificate ed avvolte in plastica per garantire il pronto impiego ed il perfetto funzionamento. Altre munizioni erano state nascoste dietro un cumulo di legna in un locale adibito a cucina/tinello.
I nascondigli erano posizionati in modo da eludere sia eventuali perquisizioni che l’utilizzo di cani ed apparecchiature elettroniche per la rilevazioni di metalli.
Le indagini dei Carabinieri proseguono sotto la direzione della dottoressa Maria Antonietta Troncone della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.


Guarda la Photogallery



Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.