Cervinara – “La Traversata del Partenio” in memoria G. Fortunato

7 giugno 2013

Era il 9 giugno 1878 quando, partendo da Cervinara, Giustino Fortunato compiva la sua Traversata del Partenio. Domani (sabato 8 giugno) a 135 anni di distanza, si ripete quello che ormai è diventato un rito, una consuetudine legata al ricordo di uno dei più importanti esponenti del Meridionalismo della storia,
Promossa da Irpinia Trekking e dal Gal Partenio, con il patrocinio del Parco del Partenio e dei Comuni di Cervinara, San Martino Valle Caudina, Pannarano, Sant’Angelo a Scala, Summonte, Mercogliano, Ospedaletto d’Alpinolo e Avellino, “La Traversata del Partenio”si ispira ad uno dei momenti del viaggio intrapreso dallo storico napoletano quando volle vedere da vicino i problemi che attanagliavano le comunità del Sud dopo l’Unità nazionale. Una iniziativa altamente simbolica, per ricordare le gesta di un grande personaggio come Giustino Fortunato, ma anche per proseguire in un’opera di valorizzazione del territorio fin nei suoi punti più inesplorati e caratteristici, per dare modo ai tanti appassionati di trascorrere una giornata a stretto contato con la natura del Partenio, nel ricordo di quel percorso intrapreso dall’autorevole meridionalista ben 135 anni fa.

La Traversata del Partenio partirà da Cervinara per attraversare un bellissimo bosco di castagni e per giungere a Piano di Lauro, pianoro carsico nelle cui vicinanze c’è la fonte di Acquafredda. A questo punto la traversata continuerà salendo a Croce di Puntone, passando per Porca delle Pere fino ad arrivare ai Monti di Avella, da cui si ammira il golfo di Napoli, il Vesuvio e i Monti Lattari. Da qui si scenderà a Toppa Riviezzo dove, dalla sommità di un ripetitore, si può ammirare un paesaggio mozzafiato sul Vallo di Lauro e sul golfo di Castellammare. Si proseguirà poi per Sopra l’Arenella e Forcetelle, per poi risalire a Cupitelle, da cui inizia la discesa per il Santuario di Montevergine. Da qui, percorrendo il sentiero dei pellegrini, si giunge a Ospedaletto d’Alpinolo, per poi proseguire per i Pennini, e Via Tagliamento. La Traversata si concluderà in Piazza D’Armi. “…E affrettando il passo per le scorciatoie alle 9, dopo una corsa di più che venti miglia in montagna, entrammo nell’albergo di Avellino”: così scriveva Giustino Fortunato 135 anni fa.