Cerca di recuperare le chiavi in un tombino ma muore annegato

Cerca di recuperare le chiavi in un tombino ma muore annegato

12 marzo 2017

Un ragazzo di 20 anni è morto annegato in un tombino in via Santa Maria, ad Abbiategrasso (Milano), nel tentativo di recuperare le chiavi di casa cadute all’interno.

E’ accaduto alle 2.30 della scorsa notte, le telecamere hanno ripreso il giovane mentre camminava lungo la strada con le mani in tasca. A un certo punto le chiavi gli sono cadute in un tombino, ha sollevato il chiusino e si è calato a testa in giù per recuperarle.

Pochi minuti dopo ha perso i sensi, forse a causa dei miasmi e della posizione, ed è morto annegato con le gambe che fuoriuscivano dal tombino.

I carabinieri di Abbiategrasso, diretti da Antonio Bagarolo, hanno ricostruito la tragedia attraverso le immagini delle telecamere.

Gli investigatori confessano che se non ci fosse stata la telecamera a riprendere gli ultimi tragici istanti di vita di Luca Adami, sarebbe stato davvero complicato capire subito cosa è accaduto.

Il giovane era uscito da un pub poco prima delle 2.15 e in via Santa Maria, togliendo la mano dalla tasca, gli sono cadute nel tombino le chiavi dell’auto (e non di casa come comunicato in un primo momento).

Ha pensato che avrebbe potuto recuperarle facilmente infilandosi con la testa all’interno, ma lo spazio angusto e le pareti lisce senza appigli gli hanno impedito di risalire. E’ morto in pochi minuti annegato nei 30 centimetri di acque reflue.

Chi ha visto le immagini delle telecamere ha parlato di attimi terribili, angoscianti. Due passanti, coetanei di Adami, hanno notato le sue gambe che uscivano dal tombino e hanno dato l’allarme quando ormai non c’era più nulla da fare. I carabinieri hanno trovato la sua auto parcheggiata a circa 200 metri di distanza dal punto.

fonte: ansa.it