Cedolare secca nel commercio, Cidec: “Fondamentale per recupero centro storico”

Cedolare secca nel commercio, Cidec: “Fondamentale per recupero centro storico”

17 ottobre 2018

Cedolare secca sulle locazioni commerciali, via libera dal Cidec di Avellino. La Confederazione Italiana Degli Esercenti e Commercianti di Avellino sottolinea “l’importanza del provvedimento inserito nella Legge di Bilancio 2018“.

La misura è tra quelle previste nella prossima manovra annunciata dal governo nel comunicato diffuso ieri notte al termine del consiglio dei Ministri. La manovra prevede una flat tax per gli affitti con l’introduzione di una cedolare fissa al 21 per cento sui nuovi contratti di affitto degli immobili commerciali, come i capannoni.

“Lo Stato e gli stessi proprietari degli immobili potrebbero trarre beneficio dall’introduzione di una cedolare secca sui negozi. I proprietari potrebbero infatti risparmiare sulle imposte dovute e d’altro lato ci sarebbe la concreta possibilità di arginare il fenomeno degli affitti in nero”

Per il presidente della Cidec Avellino, Nicola Grasso “si tratta della strada giusta per aiutare le attività commerciali e per combattere il degrado dei nostri centri urbani, sempre più colpiti da uno sfitto dilagante. E rappresenterebbe ancora meglio quel segnale di attenzione per il settore immobiliare se per i locali sfitti dei centri storici si proponesse, nei successivi passaggi in Parlamento, addirittura una aliquota del 15%”.