Caso Report, M5S al contrattacco: “Basta strumentalizzazioni, siamo uniti”

Caso Report, M5S al contrattacco: “Basta strumentalizzazioni, siamo uniti”

14 dicembre 2018

“Chiunque voglia descrivere un Movimento 5 Stelle diviso e sull’orlo di una crisi di nervi sbaglia, e molto anche. Abbiamo preso tutti le distanze da una greve battuta indifendibile di un ex consigliere indifendibile. All’esito di quell’episodio inaccettabile i giornalisti hanno dato rilievo a dichiarazioni provenienti dallo stesso movimento e critiche verso la giunta Ciampi”.

Maria Pallini, Generoso Maraia, Ugo Grassi e Michele Gubitosa tornano sul caso dell’ex consigliere D’Alessandro. “I rivali del M5S non hanno tardato a volgere tali fatti a vantaggio della propria vis polemica ricavando l’immagine di un movimento diviso e prossimo alla crisi. Il tutto ricostruito facendo leva sulla frase esecrabile di un ex consigliere.
Che bizzarri gli avversari: un giorno ci descrivono come un monolito eteroguidato, un altro ci descrivono come una manica di battitori liberi”.

“La verità è più semplice e banale: in ogni associazione politica esistono discussioni interne. Se lo fa il movimento “siete divisi” se lo fa uno dei vecchi partiti è un “confronto democratico”. Noi siamo uniti e quando i nostri avversari attaccano uno di noi attaccano tutto il Movimento. Non lo accettiamo, non lo consentiamo”.

“La verità è che il Movimento è compatto e noi tutti stiamo lavorando per il bene del paese. Altro non diremo perché queste polemiche danno forza proprio ai vecchi partiti. A ognuno il giudizio sulla coerenza”.