Caso Aias, Todisco: “Ripensare esternalizzazione delle prestazioni, subito tavolo tecnico in Regione”

Caso Aias, Todisco: “Ripensare esternalizzazione delle prestazioni, subito tavolo tecnico in Regione”

28 maggio 2018

“Pur restando in attesa degli esiti dell’iter giudiziario, la maxi inchiesta che si abbatte sull’Aias, con il conseguente sequestro di tutti i centri irpini per la riabilitazione di soggetti spastici, chiama immediatamente in causa politica ed istituzioni che devono interrogarsi sull’opportunità o meno di continuare ad esternalizzare prestazioni sanitarie così importanti”.

E’ quanto afferma Francesco Todisco, consigliere regionale di Articolo Uno-Mdp, dopo aver appreso dalla stampa nazionale e locale del nuovo intervento delle Fiamme Gialle che ha portato al sequestro dei centri Aias di Nusco e Calitri, che fa seguito alla chiusura della struttura di Avellino.

“Le indagini della Procura della Repubblica – prosegue Todisco – restituiscono uno squarcio inquietante su una gestione opaca dell’associazione.

In attesa degli sviluppi investigativi, bisogna iniziare sin da subito a ragionare sull’opportunità di far rientrare tali terapie all’interno dell’Asl, garantendo continuità terapeutica per i pazienti e percorsi lineari per i lavoratori ancora in attesa dello sblocco delle mensilità arretrate.

Chiederò per questo la convocazione di un tavolo tecnico a cui far sedere Asl, funzionari e dirigenti della Regione, per valutare non solo la modalità migliore per far fronte all’emergenza dettata dalla chiusura delle tre sedi irpine, ma per mettere in campo un percorso amministrativo chiaro affinché l’assistenza alle persone spastiche non sia più appannaggio dei soli privati accreditati, ma ritorni sotto il controllo diretto del pubblico”.