Casalbore – Eugenio Salvatore pronto per il terzo mandato

8 marzo 2006

Casalbore – Dopo la pubblicazione del decreto che stabilisce la data delle elezioni amministrative al 28 maggio si fanno infuocati gli scenari comunali. L’incertezza, oramai, è solo zavorra. Occorrono idee chiare e soprattutto ‘nomi’. Alle situazioni già effervescenti si aggiunge la sentenza della Corte di Cassazione che autorizza gli uscenti sindaci a poter rivestire nuovamente la carica anche al terzo mandato. E così, anche le situazioni apparentemente più chiare cominciano a navigare in acque poco tranquille. E’ quanto sta accadendo a Casalbore anche se, è d’obbligo dirlo, nessuna competizione si consuma nell’ambito del partito della Margherita. Fino alla scorsa settimana, infatti, si faceva strada quale capogruppo del Fiorellino, per coerenza e continuità, il nome di Raffaele Fabiano, attuale vicesindaco. Oggi il quadro ha invece assunto qualche sfumatura diversa. Sembra infatti che, forti della nuova sentenza, siano molte le sollecitazioni per la riconferma dell’uscente primo cittadino Eugenio Salvatore. Una posizione, la sua, che a dispetto di qualsiasi ‘rivalità’ rimarca invece l’unione esistente tra i membri del Fiorellino. “Sono molte le insistenze degli ultimi periodi – ha spiegato Salvatore – Da un lato la stima che la cittadinanza mi ha dimostrato sta suscitando qualche ripensamento. Dall’altro Fabiano rappresenta quasi un ‘alter ego’, un simbolo vivente della continuità amministrativa che vogliamo a tutti i costi far valere”. E se qualcuno per un solo attimo ha pensato a qualche accenno di rivalità si è sbagliato di grosso. E’ stato infatti lo stesso sindaco a confermare come le sollecitazioni maggiori scaturiscano proprio dal suo ‘braccio destro’, disposto con la massima serenità a lasciare lo scettro nelle mani di Salvatore. “A differenza delle scorse settimane ammetto che oggi c’è qualche dubbio in più”, nodi che andranno sciolti nel più breve tempo possibile. Perché la Margherita casalborese, come tutti gli altri partiti, entro la fine di aprile dovrà avere le idee chiare. (di Manuela Di Pietro)