Carni macellate clandestinamente, nei guai macelleria e altre attività

Carni macellate clandestinamente, nei guai macelleria e altre attività

3 gennaio 2018

I Carabinieri della Stazione di Solofra, unitamente ai colleghi della Stazione Forestale di Volturara Irpina, nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale di Avellino finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno effettuato una serie di ispezioni nei vari esercizi commerciali della città conciaria.

All’esito dei controlli finalizzati principalmente all’etichettatura ed alla rintracciabilità degli alimenti in vendita, ne sono stati sottoposti a sequestro diversi ed elevate sanzioni per un importo totale di oltre 15 mila euro.

Deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino il titolare di una macelleria ritenuto responsabile di aver macellato clandestinamente animali privi di bollatura sanitaria nonché per l’assenza della tracciabilità. All’interno dei frigoriferi sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro carni per un totale di oltre mezzo quintale, nonché circa 30 chili di prodotti già lavorati, pronti per la vendita, privi di bollatura sanitaria e documentazione concernente la tracciabilità. Oltre alla prevista sanzione amministrativa ed al deferimento del responsabile all’Autorità Giudiziaria, è scattata anche la sospensione dell’attività commerciale.

Circa una ventina di chili di carni ovine prive delle indicazioni d’origine, macellazione ed allevamento sono state sequestrate anche presso un supermercato, dove si è constatato altresì l’illegale vendita di vari surgelati sfusi dalla originaria confezione.

Infine, dal controllo eseguito presso un’altra macelleria, i Carabinieri hanno sottoposto a sequestro ulteriori 30 chili di carni prive di documentazione sanitaria nonché di una bilancia mancante della prescritta vidimazione.