Carnevale, Gambardella presenta la Zeza di Bellizzi: “Tradizione di cui essere orgogliosi”

Carnevale, Gambardella presenta la Zeza di Bellizzi: “Tradizione di cui essere orgogliosi”

7 febbraio 2018

Due giorni di festeggiamenti: domenica la Zeza partirà da Bellizzi Irpino ed arriverà in Corso Vittorio Emanuele per la sfilata e gli spettacoli de “La Canzone di Zeza ed il Ballo della Quadriglia”.

Stamane l’Assessore alla Cultura del Comune di Avellino, Bruno Gambardella, ha presentato il Carnevale avellinese che, come da tradizione, vedrà nella Zeza di Bellizzi la sua punta di diamante.

“La Zeza di Bellizzi è una delle perle di questa città – ha dichiarato l’assessore – una delle tradizioni delle quali siamo più orgogliosi. Il programma che è stato curato dagli amici di Bellizzi è particolarmente affascinante, non solo dal punto di vista ludico ma anche da quello culturale. La Zeza è uno dei tratti distintivi della nostra comunità, il Comune di Avellino sarà felice di accogliere tutte quelle provenienti dalla Provincia che, come da tradizione, sfileranno lungo Corso Vittorio Emanuele domenica 11 febbraio”.

All’appuntamento, che partirà alle 10.30, parteciperanno anche la Zeza di Montefrte Irpino, quella di Mercogliano, quella di Capriglia Irpina, quella di Rotondi, la Zeza di Cannone e della Campagna di Volturara Irpina, il Laccio d’Amore della Pro Loco di Taurano, la Mascarata Ma Bi di Serini, il Ballo Ntreccio e la Zeza della Pro Loco Borgo di Montoro, la Ndrezzata della Pro Loco Cervinara e la Squacqualacchium della Pro Loco di Teora.

“Siamo qui per far sì che questa tradizione, apprezzata e studiata in tutta Italia tanto da essere al centro di tesi di laurea, continui ad essere tramandata. La Zeza va promossa ed offerta a tutta la città ed alla Provincia”. Questo il saluto di Ernesto Spartano, presidente della Zeza di Bellizzi che, come da tradizione, chiuderà il Carnevale nel Zezone di martedì 13 febbraio alle ore 20 presso l’Anfiteatro della frazione.

Sempre martedì, alle ore 11.30, presso Palazzo di Città, verrà consegnato il “Premio Terra di Zeza” al Maestro Antonio Ambrosone in ricordo di un caro amico, al professor Emilio Picone, al professor Antonello Iannaccone, al Maestro Roberto De Simone, all’Assessore alla Cultura professor Bruno Gambardella, oltre al diploma di nomina al Socio Benemerito cavalier Gerardo Saporito. Alle 15.30 la Zeza allieterà il pomeriggio della Casa di Riposo Roseto di Avellino.