Carnevale 2016 ad Avellino, tutti gli appuntamenti Comune per Comune

Carnevale 2016 ad Avellino, tutti gli appuntamenti Comune per Comune

7 febbraio 2016

Con il prossimo fine settimana si entrerà nel vivo del Carnevale 2016.

Tanti e diversi gli appuntamenti nel cartellone carnevalesco che trasformeranno i borghi e le strade della provincia di Avellino in una pura festa di colore e maschere sino al Martedì Grasso.

Decine e decine saranno i Comuni in festa in Irpinia. Abbiamo selezionato alcuni dei maggiori eventi che si terranno nel fine settimana e martedì 9 febbraio. Ecco, dunque, il programma – cartellone alla mano – delle feste del Carnevale in Irpinia.

LA ZEZA DI BELLIZZI AD AVELLINO – Partiamo dalla città capoluogo, Avellino, dove l’appuntamento sarà con l’Associazione Gruppo Folk Arti e tradizioni popolari “Zeza di Bellizzi”.

Martedi 9 febbraio, dopo un primo saluto in Comune (alle ore 10,30), si terrà alle ore 12 la sfilata lungo il Corso Vittorio Emanuele con spettacoli della canzone di Zeza e il ballo della quadriglia. Alle ore 15.30 alla frazione Bellizzi Irpino, si terrà la rappresentazione della canzone di Zeza e il ballo della quadriglia in piazzetta; poi ancora a Bellizzi spettacoli per la strada, vicoli e aie private in via Giancola, con libero accesso al pubblico. Alle ore 19.30 la chiusura del “Carnevale” con il zezone nella zona della Chiesa Madre di Bellizzi.

TAURANO – Si terrà martedì grasso 9 febbraio 2016 a Taurano, in provincia di Avellino, il tradizionale appuntamento con il Carnevale Tradizionale Tauranese. L’evento voluto dalla Pro Loco di Taurano, ha come obiettivo quello di riscoprire le vecchie tradizioni che hanno contraddistinto la festa di Carnevale in passato ma che con il passare del tempo sono state dimenticate e accantonate.

Il programma dell’edizione 2016 che prenderà il via alle ore 15 di martedì 9 febbraio è il seguente:

Esibizione del gruppo folk “la Quadriglia” nei balli tipici: ovvero la quadriglia, un ballo popolare, ispirato dai francesi, durante le tragiche giornate della Repubblica partenopea del 1799 ma che ricorda primitivi rituali del mondo contadino; il numero delle coppie deve essere un multiplo di quattro; a Taurano, per consuetudine, ballano dodici coppie; il Laccio d’Amore, una ballata popolare che si impernia su un antico rito propiziatorio degli antichi popoli agricoli, praticata nel bacino mediterraneo. Consiste in una danza intorno ad un palo, dominato dal segno del sole nuovo, simbolo della fertilità agricola e della fecondità umana, dal quale pendono 24 nastri colorati, tenuti da altrettanti ballerini, 12 maschi e 12 femmine, che nel corso delle danze vengono intrecciati formando varie figure geometriche; l’intreccio dovrebbe essere sinonimo di interrelazione tra vari mesi, il disco al centro dell’intreccio è l’emblema del sole, fulcro della fertilità;

Presentazione dei mesi: i protagonisti sono dodici ragazzi, che rappresentano i mesi dell’anno; ogni ragazzo ha il compito di illustrare ai presenti le qualità del mese, che personifica, sia buone che cattive; musica live e tante altre sorprese per un Carnevale all’insegna della Tradizione e soprattutto del divertimento.

CARNEVALE 2016 A TORRE LE NOCELLE –  Anche quest’anno a Torre Le Nocelle, piccolo borgo irpino, si rinnova la tradizione del Carnevale. Infatti, il 9 febbraio 2016 a partire dalle ore 14:30 avrà inizio la sfilata dei carri allegorici, per le vie del paese, realizzati dai giovani torresi. Un appuntamento che si ripeterà domenica 14 febbraio alle ora 9:30. L’iniziativa è nata dall’idea di un gruppo di amiche tra i 19 e i 25 anni, le quali, scherzosamente, si fanno chiamare “ LE SVITATE”. La portavoce del gruppo, Nietta Pepe, ci racconta che per loro è davvero molto importante mantenere viva la tradizione e portare avanti il concetto di partecipazione, obiettivo principale del gruppo. La giovane ragazza dichiara, inoltre, che il “fulcro” dell’evento è rappresentato proprio dal coinvolgimento di tutti, grandi e piccini.

Novità di quest’anno sarà la presenza dei paesi limitrofi. Difatti, grazie alla sinergia e al senso di volontà è nata una grande collaborazione con i giovani della Pro Loco Mons Militum, guidati dal presidente Florindo Garofalo, i quali proporranno la tradizionale Zeza che vede a capo dell’iniziativa Romina Garofalo. Una cooperazione che vede presenti anche la Pubblica Assistenza Italo Capobianco, l’Associazione Lions Mons Militum, l’Oratorio Giovanni Paolo II, il Gruppo Folk di Montefusco e gli amici di Pietradefusi. Una manifestazione che terminerà con la premiazione della maschera più bella.

LA ZEZA A MONTEMILETTO – Anche quest’ anno, come tradizione, i giorni 7 e 9 febbraio, le strade di Montemiletto, in provincia di Avellino, fungeranno da scenario per quella che è considerata una delle più rappresentative manifestazioni del Carnevale irpino. La manifestazione carnevalesca montemilettese ha come fiore all’occhielllo: “LA ZEZA”.

L’obiettivo della Pro Loco Mons Militum, (in collaborazione con Unpli Avellino, Forum dei Giovani di Torre le Nocelle, Associazione Lions Mons Militum, la Pubblica Assistenza Italo Capobianco, il Comune di Montemiletto, il gruppo folk di Montefusco e la Pro Loco Montefusco), impegnata da sempre nella valorizzazione del patrimonio culturale e folcloristico di Montemiletto, è quello di trasmettere la tradizione del “la ZEZA” attraverso questa manifestazione.

Il programma vede domenica 7 febbraio la “La Zeza con carri allegorici” alle ore 9 a Montaperto e alle ore 14 in piazza IV Novembre a Montemiletto.

37 VOLTE CARNEVALE A PATERNOPOLI – Torna il tradizionale appuntamento con il Carnevale di Paternopoli, in provincia di Avellino, ma assicurano gli organizzatori sarà ricco di sorprese, con nuovi protagonisti e stand enogastronomici. Appuntamento nel centro irpino domenica 7 e martedì grasso 9 febbraio 2016.

Il Carnevale di Paternopoli nasce per un gioco tra i vari artigiani del paese. Le tecniche di lavorazione della carta pesta, della creta e del ferro si sono molto raffinate, senza contare l’ingegno per realizzare i vari movimenti presenti sui carri.

Carri che sfileranno per le vie del paese e i cui costruttori sono giovani artigiani e appassionati che di anno in anno portano in piazza idee diverse. La trentasettesima edizione, andrà in scena il 7 e il 9 febbraio 2016, domenica e martedì grasso.

Sempre a Paternopoli sbarca Irpinia StreEat Mood. L’evento, che ha innovato il modo di fare enogastronomia in strada, torna per un appuntamento invernale grazie all’invito degli organizzatori del Carnevale e dell’amministrazione del paese. Tra carri allegorici, balli, maschere e divertimento, il Mood irpino del buon cibo trova spazio in Piazza XXIV Maggio dove si potrà entrare nel mondo del gusto.

Dalle immancabili chiacchiere, al necessario vino irpino lo StreEat Mood diventa circo del gusto sotto la direzione artistica di Mirko Balzano. Lo stand di Irpinia StreEat Mood Carnival Edition sarà aperto al pubblico Domenica 7 febbraio e Martedì 9. Questa volta non ci sono gare perché nei giorni della tradizione vince la tavola irpina delle feste. Le sapienti mani degli chef elaboreranno menù in grado di riscaldare la piazza, quanto i carri realizzati dalle mani dei paternesi. Grande attenzione, come sempre, alla qualità delle materie prime e ancora una volta la strada come palcoscenico. Irpinia Mood si maschera, ma onora sempre l’autenticità del buon cibo locale.

CARNEVALE A MONTEMARANO – Weekend all’insegna della cultura a Montemarano, storico centro dell’Alta Irpinia. Sabato 6 febbraio 2016, alle ore 16.30, nel suggestivo salone di Palazzo Castello, inaugurazione della mostra “Festabarocca” di Aldo de Francesco. Nel corso dell’evento è prevista, da parte dell’amministrazione del Comune irpino, la consegna di un attestato di benemerenza alla carriera al giornalista, scrittore e pittore, autore della rassegna e di numerose pubblicazioni sul Carnevale. Saluto introduttivo del sindaco di Montemarano Beniamino Palmieri, interventi di Paolo Saggese e Peppino Iuliano, presidente e vice presidente del Centro di Documentazione Poesia del Sud.
La mostra è un viaggio pittorico di Aldo de Francesco nei luoghi più significativi del celebre Carnevale montemaranese che spazia dal vecchio Principato Ultra alla Capitale vicereale: una sintesi di cinque secoli di storia in sedici opere di chiaro stampo impressionista. Un’occasione per rileggere e approfondire le radici della festa, le cui origini in Irpinia risalgono ai tempi remoti delle primitive civiltà agrarie, destinate a intrecciare poi il fastoso filone barocco.

Il programma:

Venerdì 05 febbraio alle ore 21 – “Carnevale delle culture.. Aspettando Tarantella for Africa” a cura della Scuola di Tarantella Montemaranese presso Auditorium Comunale, all’interno dell’edificio scolastico in via San Francesco.

Alle ore 18 Caporabballo d’Argento a cura dell’Associazione Pro-Montemarano. Domenica 7 febbraio alle ore 9,30 Tradizionale Apertura del Carnevale a cura della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria; interverrà il Gruppo Folcloristico “Zompa Cardillo” e la Scuola di Tarantella Montemaranese. E poi ancora degustazione di vini prodotti dalle cantine di Montemarano a cura di ONAV sez. Avellino, tradizionali sfilate dei cortei mascherati per le vie del paese, serata danzante nei locali adibiti allo scopo. Lunedì 8 febbraio alle ore 15 tradizionali sfilate dei cortei mascherati per le vie del paese. Nei giorni di Carnevale le Cantine saranno in esposizione al Palazzo Castello e sarà possibile visitare i musei di Montemarano che rimarranno aperti.

IL CARNEVALE A MONTORO – Tutto pronto a Montoro per il Carnevale 2016. Sabato 6 febbraio dalle ore 18 in Piazza Municipio si terrà la notte bianca e Raduno delle Maschere. Domenica 7 febbraio la festa prosegue a Torchiati di Montoro dalle ore 10 e nel pomeriggio dalle ore 14,30 a Piano. Martedì 9 febbraio dalle ore 15 si ritorna in Piazza Municipio a Montoro. Alle ore 15 alla frazione Borgo di Montoro con la “Chiusura del Carnevale”.

A Gesualdo si terrà la 35esima edizione del Carnevale Gesualdino: tradizione, cultura, storia e spettacolo nel Cuore dell’Irpinia.

IL CARNEVALE A SAN MICHELE DI SERINO – Il programma a San Michele di Serino. Domenica 7 febbraio si parte alle ore 15 con il raduno delle maschere presso Piazza Don P. Lamberti e sfilata per le vie del paese con la fanfara. Alle ore 17,30 proiezione nella piazza antistante il Municipio del filmato storico “Carnevale del 1980”. Domenica 9 febbraio alle ore 15 raduno Maschere “fossa dei leoni” per il corteo funebre di carnevale; ore 17 in piazza Municipio rappresentazione teatrale ‘A morte ‘e Carnevale a cura della Associazione Teatrale G&D di San Michele di Serino.

LA ZEZA A CAPRIGLIA IRPINA – Torna puntuale come ogni anno a Capriglia Irpina, in provincia di Avellino, l’appuntamento con la Zeza. Appuntamenti il 7 e il 9 febbraio.

A SOLOFRA – Organizzata dalla locale Pro Loco di Solofra in collaborazione con l’amministrazione comunale, il raduno di gruppi in maschera e carri allegorici per la festività di Carnevale è in programma per sabato 6 e martedi 9 febbraio.

In particolare per sabato sono in programma dalle ore 18 e fino a tarda sera raduno gruppi in maschera e carri allegorici che faranno da sfondo alla con Notte Bianca. Martedì grasso invece l’appuntamento è spostato alle 16 con la grande sfilata dei carri allegorici per le strade della città.

CERVINARA – Carri, musica e aria di festa, è tutto pronto anche a Cervinara, in provincia di Avellino, per la rinnovata edizione del carnevale. Un lungo cartellone ed un intenso programma scandiranno i giorni dal 4 al 9 febbraio, coinvolgendo in un ritmo incalzante tutta la popolazione cervinarese. Il giorno 7 febbraio ed il giorno 9 febbraio esibizione del gruppo folk CervInBallo nel ballo della tradizionale Quadriglia Cervinarese.

CARNEVALE BAIANESE – Una due giorni tra folklore, musica, balli e tanto tanto divertimento a Baiano in occasione del Carnevale. Appuntamento domenica 7 e martedì grasso 9 febbraio nel paese in provincia di Avellino per l’edizione 2016 del Carnevale Baianese.

Uno degli appuntamenti fissi del panorama di manifestazioni organizzate dalla locale Pro Loco che in collaborazione con il Forum dei Giovani darà vita anche alla sfilata di carri allegorici per le vie della cittadina.

Un Carnevale quello Baianese che risente non solo dell’influenza dell’Irpinia, ma anche quella partenopea, basti pensare come quegli spettacoli itineranti quali ‘I Mesi, ‘la Zeza’, ‘il Laccio d’amore’ e la varie tipologie di Tarantella, rispecchiano l’intera realtà regionale.

Il programma dell’edizione 2016 prevede le due sfilate dei carri allegorici e l’esibizione del laccio d’amore domenica 7 e martedì 9 febbraio a partire dalle ore 15.00.

CASTELVETERE SUL CALORE – Tutto pronto a Castelvetere, in provincia di Avellino, per la nuova edizione del grande carnevale. Da domenica 7 a domenica 14 febbraio 2016, saranno tre gli appuntamenti che vedranno susseguirsi sfilate, balli e lotterie accompagnate da musica e la solita atmosfera travolgente che solo il carnevale Irpino sa dare.

Primo appuntamento fissato per domenica 7 febbraio, con l’apertura della festa fissata alle ore 13.00. A seguire dalle 14.00 ci sarà la prima sfilata che vedrà protagonisti i carri allegorici ed i gruppi di ballo con ospite il Gruppo Folk di Taurano. Alle 19,00 ballo con le maschere in piazza Monumento.

Martedi 9 febbraio lo start è fissato alle ore 14,00 con la sfilata della tarantella a cui, alle 14,30, farà seguito quella dei carri e dei gruppi di ballo. Alle 19,00 consueto appuntamento col ballo con le maschere in piazza Monumento.

Chiusura del carnevale per domenica 14 con la sfilata in programma alle 14,00. Alle 17,30 si celebrerà “la Morte del Carnevale” e prima dell’appuntamento col ballo con le maschere in piazza Monumento ci sarà l’estrazione dei premi legati alla lotteria.

A Pratola Serra è tutto pronto per martedì 9 febbraio 2016, dove l`Amministrazione comunale ha organizzato “Viva il Carnevale”, uno spettacolo di animazione per grandi e piccini.
A partire dalle ore 16 nella palestra comunale annessa alla scuola elementare, si susseguiranno tante attrazioni che allieteranno tutti, specie i bambini, per trascorrere una festa di Carnevale all`insegna dello stare insieme e del divertimento.