Carlo Sibilia “interroga” nuovamente su caserma Monteforte: “Le faremo sapere… forse”

Carlo Sibilia “interroga” nuovamente su caserma Monteforte: “Le faremo sapere… forse”

2 maggio 2017

“L’Italia soffre di un male terribile: la burocrazia. Una burocrazia che dilata i tempi, rimanda le risposte, rende incerti i diritti”. Ad affermarlo è Carlo Sibilia, portavoce del Movimento Cinque Stelle, il quale spiega il motivo di questa dichiarazione.

“Più di tre anni fa presentai un’interrogazione parlamentare per sapere cosa ostacolava la messa in funzione della Caserma dei carabinieri di Monteforte Irpino. Mai avuta alcuna risposta nonostante i miei solleciti. Ora, nelle ultime settimane, il paese irpino è stato oggetto di atti intimidatori indirizzati ad alcuni esponenti dell’amministrazione comunale e il tema della sicurezza è tornato al centro del dibattito. Da più parti si invoca un presidio di legalità e sicurezza quale potrebbe essere quello dell’Arma”.

Da qui, il nuovo interessamento di Sibilia: “Ho cercato subito, nuovamente, di capire cosa si sia inceppato e la scorsa settimana ho scritto al ministero della Difesa chiedendo delucidazioni in merito, ma ad oggi ancora niente. Per questo motivo, ho deciso di telefonare direttamente. Mi hanno fatto sapere che la nostra richiesta di informazioni è stata presa in carico e sarà smistata all’ufficio competente ma che per i primi riscontri passerà minimo una decina di giorni e, se non ricevessi alcuna comunicazione, dovrò sollecitare! Ecco perché l’Italia sta andando a rotoli: uffici pubblici che lavorano con tempistiche da lumaca e cittadini che restano senza risposte”.