Caos Pdl, Sacco: “Sorece vive a Roma, e fa politica coi comunicati”

9 dicembre 2011

“Leggiamo con stupore le pesanti affermazioni del consigliere Orazio Sorece. Pur rispettando il malessere, non credo sia utile alla risoluzione del problema sbandierare sui giornali questioni interne al partito se realmente si tiene a cuore il progetto del Popolo della Libertà”. A parlare è Fausto Sacco, presidente provinciale della DcA nel Pdl, che si inserisce sulle polemiche che stanno scuotendo il partito al comune. “Anche io, più volte, ho evidenziato la necessità di avviare un confronto franco e sereno all’interno del partito ma senza mai arrivare ad attacchi di questo genere. Peraltro promossi da chi appare più come ospite della città che come residente del capoluogo. Sorece vive a Roma, non è integrato nella comunità avellinese. Non può pensare di fare politica con i comunicati stampa. Così non si va da nessuna parte. Il Pdl irpino, dallo scorso febbraio e con la nuova dirigenza guidata da Sibilia, ha cambiato passo. Siamo alla vigilia dei congressi. Un’occasione per tutti per confrontarsi e misurarsi. Io stesso ho sempre auspicato la celebrazione dell’assise cittadina e provinciale”.

Nello specifico delle questioni – continua Sacco – “Sorece non si lasci impressionare dalle recenti iniziative promosse in Comune. Come la visita dell’assessore Taglialatela. Il Pdl va elogiato per evitare ulteriori problemi alla città, oltre ai numerosi e gravi danni prodotti da un’amministrazione di centrosinistra che bocciamo su tutta la linea senza “se” e senza “ma”. Il Pdl sta operando solo nell’interesse della città, con l’obiettivo di scongiurare altri disastri che arriverebbero bloccando opere da noi fermamente contestate ma già avviate e quindi da completare stavolta con soluzioni meno impattanti e utili per la comunità”.