Caos Avellino, la Curva Sud scende in campo: contestazione in vista

Caos Avellino, la Curva Sud scende in campo: contestazione in vista

18 luglio 2018

di Claudio De Vito – Venti di contestazione spirano attorno all’Avellino impelagato nel mare burrascoso di un’iscrizione che ad oggi appare una chimera. “Siamo stanchi, le nostre parole sono finite…o si cambia o si cambia” recita l’ultimo passaggio del comunicato diffuso di buon mattino dalla Curva Sud che nelle prossime incrementerà il livello del suo malumore facendo sentire la sua voce in piazza. L’Avellino rischia di affondare, la tifoseria non ci sta e sfiducia Walter Taccone alle prese con l’ennesima corsa contro il tempo.

“Non iscriversi o fallire è il minore dei problemi perché, continuare così, fa quasi più paura”. La Curva Sud pretende trasparenza ed una società capace di navigare in acque tranquille e non a vista come accade da un po’ di tempo a questa parte. È la rovente estate dell’Avellino che arranca con un futuro sempre più ricco di incognite.