Calcio – Prima rete per i lupi: dopo una lunga attesa si torna in B

25 luglio 2008

L’Avellino rientra in cadetteria per la porta di servizio. Dopo un’attesa lunga ed estenuante i lupi possono festeggiare la richiamata in B. Le parole di Cellino avevano rappresentato già un segnale confortante, ma nella questa mattina è arrivata la tanto attesa fumata bianca. Un responso quello della Figc che mette la parola fine sulla querelle, una ‘voce’ che finalmente permette a quanti amano questi colori di tirare un sospiro di sollievo e di poter iniziare a parlare di calcio giocato, di ritiri, acquisti e cessioni. Il Cesena, la Cremonese, il Manfredonia… Macalli, hanno provato a ribaltare un verdetto che nella logica delle cose non poteva essere assolutamente cambiato, anche perché avrebbe innescato un effetto domino di dimensioni mastodontiche. Contro tutto e tutti quindi, i lupi hanno vinto la loro guerra. Conquistando quel posto nella seconda serie nazionale che gli spettava di diritto. Non si è compreso il motivo di tanto astio verso la formazione biancoverde ma la cosa che conta a questo punto è che la storia abbia avuto un lieto fine. Il giusto ‘The End’ dopo ore concitate e dopo notizie discordanti, momenti di sicuro non adatti ai deboli di cuore. Tutti e proprio tutti sapevano sin dall’inizio che quella del presidente della Lega Pro era una ‘battaglia contro i mulini a vento’, anche se allo stesso tempo c’erano paure ed ansie, dovute ad un plotone pronto a cancellare i 96 anni del nostro glorioso club. Ora si può fare festa, la gioia è tanta per un patrimonio riconquistato non sul campo che offre la possibilità ai lupi di rifarsi fin da subito senza dover soffrire sugli insidiosi terreni delle categorie inferiori. La società ha una grossa occasione per ricucire le ferite con i tifosi. Bisogna creare nuovamente e da subito tanto entusiasmo. Le prime notizie riguardanti l’allestimento della squadra fanno ben sperare. Il lupo quest’anno sarà competitivo, anche perché sbagliare è lecito, perseverare è diabolico e Pugliese questo – a quanto sembra – l’ha capito. In attesa di comprendere che ‘US’ sarà, prendiamo le bottiglie in frigo e brindiamo alla prima rete stagionale. La più importante, ma soprattutto quella che potrebbe aprire a questo punto un cammino meno tortuoso verso il centenario.
(di Sabino Giannattasio)