Calcio – Nello Young Boys che sfida il Napoli c’è un po’ di Irpinia

23 ottobre 2014

Scorre sangue irpino nelle vene dello Young Boys, che questa sera affronterà il Napoli in Europa League. Tra le fila della formazione di Berna, infatti, gioca Raphael Nuzzolo, 31enne centrocampista svizzero la cui famiglia è originaria di Pietradefusi. Papà Franco, circa cinquant’anni decise di lasciare il piccolo comune irpino, emigrando Oltralpe in cerca di fortuna assieme a tutto il nucleo familiare. La famiglia Nuzzolo iniziò a una nuova vita a Bienne, cittadina quaranta chilometri a nord-ovest di Berna, dove Franco Nuzzolo, appassionato di calcio, si cimentò anche nella guida di un club dilettantistico. E’ proprio con la squadra locale che Raphael mosse i primi passi che col tempo lo avrebbero proiettato in Super League, la massima serie elvetica, con il Neuchatel Xamax.

Dal 2011 gioca con lo Young Boys e questa sera per lui sarà una partita speciale. “Sente molto questa partita perché non ha mai dimenticato le sue origini campane, in particolar modo irpine”. A parlare è il cugino di Raphael, Stefano Nuzzolo, che testimonia tutta la vicinanza della famiglia alle sue gesta calcistiche: “Lo seguiamo sempre con affetto – spiega – L’Europa League è un motivo in più per vederlo giocare. Ci sarebbe piaciuto andare in Svizzera a vederlo, ma ci rifaremo nella partita di ritorno: a Napoli non mancheremo di sicuro. Ci siamo sentiti pochi giorni fa – aggiunge – Mi ha detto che è molto emozionato perché affronta la squadra in cui ha giocato il suo idolo Maradona. Per lui sarà un sogno giocare al San Paolo tra due settimane”.

L’interessato, che ha già fatto male un paio di anni fa all’Udinese, dal canto suo ieri in conferenza stampa non ha fatto nulla per nascondere la sua passione per i colori avversari: “Quando torno in Italia – ha confessato – compro sempre una maglia azzurra”.
Per Raphael, che Pietradefusi sosterrà da lontano per l’occasione, non sarà una partita come le altre.

(di Claudio De Vito)