Calcio – Lupi: inizia l’avventura

23 luglio 2006

Signori… si parte. Il nuovo lupo, in attesa di conoscere un ‘ancora incerto’ destino, sale a Gubbio per svolgere la preparazione precampionato. Tanti i volti vecchi, pochi quelli nuovi. Ed un manipolo di ragazzini, che nei piani del tecnico Galderisi potranno far parte della prima squadra. B o C? L’annoso dilemma attanaglierà ancora per diverse settimane le menti dei giocatori e dei dirigenti biancoverdi. Le scelte di una squadra ancora da completare, dipenderanno molto da Calciopoli, lo ‘Tsunami’ che ha colpito il mondo del calcio e che sta stravolgendo i campionati. Quello dei biancoverdi in Umbria lo potremmo definire il viaggio della ‘speranza’. Sognare la serie B non è eresia e se la giustizia farà il proprio corso con l’estromissione dell’Arezzo dal campionato cadetto, la formazione biancoverde ripartirà da dove aveva finito. Per ora si parte in 23 con diverse incognite. Sì, perché Nanù dovrà cercare di riabilitare i superstiti della vecchia guardia e capire quali sono quelli pronti ad abbracciare il nuovo progetto e quelli che hanno invece deciso di abbandonare la nave. Capire quali giovani del vivaio potranno essere utili alla prima squadra oltre a Belleri e Ragosta, che dopo le ottime prestazioni della passata stagione sono entrati in pianta stabile nell’organico irpino. Non sono partiti con la squadra Biancolino e Moretti in cura a Cesenatico. I due si aggregheranno tra qualche giorno. (Di Sabino Giannattasio)

LA CURIOSITÀ
C’era anche Christian Terni sul pullman partito alla volta dell’Umbria. Il calciatore fino a poche ore prima non compariva nell’elenco dei convocati, in quanto messo in lista di sbarco. Difficile però che la società ci abbia ripensato, decidendo per una sua permanenza in terra irpina. Il diesse Francesco Maglione nei prossimi giorni potrebbe incontrarlo per cercare di trovare un accordo. Possibile che l’atleta arrivato lo scorso mese di gennaio dalla Cremonese, rescinda l’accordo con il sodalizio irpino? Il contratto dell’esperto difensore scade nel mese di giugno 2007. Il 33esimo calciatore, rappresenta una delle tante scelte sbagliate della passata stagione. Per lui, soltanto pochi minuti giocati alla corte di Colomba. Un ingaggio che ha pesato notevolmente sulle casse societarie del sodalizio di Contrada Archi, visto che lo stipendio dell’atleta, ex Como e Salernitana, è tra i più alti della truppa dei fratelli di Frigento.