Calcio – Le dichiarazioni di Pellicori, De Angelis e Calori

10 maggio 2008

Alessandro Pellicori è deluso ed amareggiato per lo stop patito in terra di Romagna il bomber dei lupi analizza la sconfitta: “Siamo scesi in campo con l’atteggiamento sbagliato. Forse non sappiamo reggere la pressione”. Continua il mea culpa del bomber che afferma: “Ogni qualvolta abbiamo la possibilità di venire fuori dalla brutta situazione di classifica, sbagliamo. Abbiamo dimostrato di avere dei limiti, adesso, otteniamo più punti possibili e raggiungiamo i play-out”. Il numero nove della formazione irpina parla a cuore aperto a quanti sono arrivati a seguito della squadra per sostenerla in questa difficile battaglia: “ Dobbiamo assolutamente chiedere scusa ai nostri tifosi perché al di là del risultato abbiamo offerto una bruttissima prova. Eravamo consapevoli che oggi potevamo fare qualcosa di importante. Abbiamo fallito, ora mettiamo questa gara alle spalle e guardiamo avanti”.
Sulla stessa lunghezza d’onda del compagno di reparto il capitano Stefano De Angelis: “Sbagliamo sempre negli appuntamenti più importanti. Nel momento della svolta commettiamo degli errori determinanti. Era una partita da affrontare sicuramente con un altro spirito. Abbiamo provato a ribaltare lo svantaggio ma non ci siamo riusciti. Potevamo chiudere la gara sullo zero a zero, invece abbiamo subito un goal stupido con la difesa schierata. Adesso, vinciamo le restanti gare interne e concentriamoci sugli spareggi”.
Non si spiega la brutta sconfitta subita il tecnico dei biancoverdi Alessandro Calori. L’allenatore dei lupi nell’analisi del dopogara non riesce a capire il perché di una prova disastrosa dopo il brillante successo della scorsa settimana: “Abbiamo fatto troppa confusione.-afferma l’aretino- Eppure in campo, Porcari escluso c’era lo stesso undici che ha vinto sabato scorso. Alla vigilia penso che nessuno avrebbe potuto immaginare una prestazione così brutta. Una metamorfosi in negativo impensabile prima del match. Dovremo soffrire in questo modo fino al termine della stagione. Questa squadra, purtroppo, conferma ancora una volta di avere dei limiti mentali. Ma io non mi abbatto perché credo fortemente nella possibilità di raggiungere la salvezza”. Dopo la sconfitta del Manuzzi le speranze di permanenza diretta in cadetteria sono del tutto svanite: “Abbiamo perso una grande opportunità per dare continuità ai risultati, ma soprattutto per provare ad avere un epilogo diverso al termine del torneo. Ma dobbiamo metterci subito questa brutta sconfitta alle spalle. È vero si è fallito in una occasione importante, ma siamo nel momento topico del torneo, dove ci vuole il massimo delle forze e dove tutti dovranno fare al a propria parte per provare a conservare la B”. Alle spalle però le dirette concorrenti non stanno a guardare: “Oggi speravamo di riuscire a portare a casa qualche punto, non ci siamo riusciti e ci dispiace. Rimbocchiamoci le maniche e recuperiamo con la Triestina. Ci vorrà una squadra più concentrata e determinata nelle ultime tre gare”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.