Calcio – Comproprietà e colpi: è la settimana calda dell’Avellino

16 giugno 2014

Calcio – Si apre una settimana fondamentale per l’Avellino, che sarà chiamato entrò venerdì a sbrogliare la matassa delle comproprietà. Trovato l’accordo con l’Atalanta per la valutazione di Davide Zappacosta (da definire, invece, il discorso delle contropartite in prestito Konè e Ardemagni) e con il Milan per il riscatto di Andrea De Vito, il club biancoverde dovrà invece trovare la migliore soluzione alle compartecipazioni di Armando Izzo (Napoli), Luca Bittante (Fiorentina) e, in secondo piano, Michel Panatti (Como). Per questi tre il tempo stringe e il rischio buste è dietro l’angolo.
Contestualmente, il patron Walter Taccone guiderà le operazioni per il mercato in entrata. Gli obiettivi sensibili sono Arrighini e Ardemagni per l’attacco, Konè per la mediana, Garofalo per la fascia mancina e Suagher in difesa, con Borghese che potrebbe diventarlo in seguito. Suagher, classe ’92 lo scorso anno al Crotone, è di proprietà dell’Atalanta, che non esiterebbe a spedirlo alla corte di Rastelli. Probabile, però, che l’ex Pisa rientri in una cessione in prestito fuori dai confini dell’afare Zappacosta. Mercoledì intanto sarà il giorno di Pierluigi Frattali. Il portiere ex Cosenza sarà ad Avellino per le visite mediche che faranno da anticamera al suo passaggio ufficiale in biancoverde. Con lui anche Demiro Pozzebon che scalpita da tempo.