Il Calcio Avellino ora è più forte. Saluti a Sturno, il Partenio aspetta i lupi

Il Calcio Avellino ora è più forte. Saluti a Sturno, il Partenio aspetta i lupi

1 settembre 2018

di Claudio De Vito – Era iniziato tutto il 20 agosto con i primi arrivi alla spicciolata nel ritiro di Sturno allestito in fretta e furia per dar vita alla nuova squadra del Calcio Avellino SSD. Il direttore sportivo Carlo Musa e il tecnico Archimede Graziani ci sono riusciti considerato che al culmine di due intense settimane di lavoro manca davvero poco per completare la rosa. Adesso è il momento dei saluti dopo allenamenti serrati e quattro test amichevoli conditi dal continuo via vai di calciatori.

Oggi la SSD targata Sidigas lascerà il “Castagneto” culla della rinascita biancoverde tra sogni, ambizioni e sudore versato su quella che è stato il terreno di preparazione dell’Avellino in B. Alle 15 è previsto l’ultimo allenamento della truppa di mister Graziani che martedì pomeriggio, dopo 48 ore abbondanti di rompete le righe, si ritroverà al Partenio-Lombardi per la prima assoluta nel tempio calcio cittadino.

Previsto il bagno di folla per i lupi che avranno modo di inaugurare tra l’entusiasmo generale la preparazione in vista dell’esordio di coppa con il Nola previsto il 9 settembre (alle 15) proprio sul sintetico casalingo. Superficie di gioco da metabolizzare dopo due settimane sul naturale e misure da prendere, ma Graziani ha già fatto sapere che non sarà più di tanto un problema.

E a quanto pare non lo è nemmeno più la ricerca del 2000 in difesa in virtù dell’arrivo in prestito dalla Primavera del Benevento di Fabiano Parisi, jolly solofrano abituato a giocare sia in mezzo al campo che come laterale mancino. Ruolo quest’ultimo ricoperto anche dal ’99 Raffaele De Gregorio (era nel nuovo Cesena) giunto grazie al filo diretto con l’Imolese che aveva già ceduto l’aitante terzino destro (anche lui del ’99) Rocco Patrignani.

Nei prossimi giorni di proverà a migliorare la batteria under se dovessero presentarsi delle occasioni, ma ora i riflettori sono tutti puntati su un attaccante in grado di terminare la stagione in doppia cifra. Ferdinando Sforzini rappresenta la pista più percorribile ma anche quella più rischiosa considerata la lunga inattività del bomber che ha già vestito il biancoverde in passato.

Ci sarà tempo fino alle 19 del 14 settembre per i trasferimenti tra società della Lega Nazionale Dilettanti (dall’1 al 14 dicembre spazio invece alle trattative d’inverno). Si potrà andare oltre invece per gli svincolati. Ma il ds Carlo Musa conta di chiudere per la punta la settimana prossima in modo da consentire al volto nuovo del reparto avanzato di inserirsi il prima possibile nei meccanismi di Graziani.

Dal campo passando per il mercato fino a giungere agli assetti societari definiti ieri con la nascita del Consiglio di Amministrazione. Il proprietario Gianandrea De Cesare ha assunto la carica di vicepresidente e amministratore delegato, mentre Claudio Mauriello sarà il presidente della SSD scortato dalle altre figure Sidigas quali Luigi Carbone, Alessandro Iuppa e Goffredo Solimeno. Una struttura dirigenziale finalmente delineata alle spalle degli interpreti della parte sportiva, tecnica e organizzativa.

La settimana prossima sarà decisiva anche per le nuove divise da indossare durante la stagione. E’ in arrivo infatti il materiale tecnico targato Joma. L’attesa per le maglie biancoverdi del nuovo corso sta per terminare con tanto di presentazione ufficiale prevista. Il logo Unione Sportiva Avellino cucito sul petto resta un’incognita perché ad oggi non è stata trovata l’intesa con l’associazione “…Per la Storia…” sull’utilizzo del marchio. Sulle divise 2018/2019 pertanto si fa largo il lupo ululante che griffa la rinascita SSD.

I 26 uomini a disposizione di Archimede Graziani.

Portieri: Lagomarsini (1993), Longobardi (1999), Pizzella (2001).

Difensori: De Gregorio (1999), Dondoni (1995), Mithra (1997), Mikhaylovskiy (1989), Morero (1982), Nocerino (1999), Parisi (2000), Patrignani (1999), Scarf (1999), Urbansky (2001).

Centrocampisti: Acampora (1989), Buono (1999), Carbonelli (2000), Carniato (1999), Ciotola (1984), Gerbaudo (1995), Matute (1988), Moreschini (2001), Tompte (1999), Tribuzzi (1998).

Attaccanti: De Vena (1992), Mentana (1999), Ventre (1996).