Calcio Avellino, divieto di sosta: Sforzini part-time ad Anzio

Calcio Avellino, divieto di sosta: Sforzini part-time ad Anzio

24 settembre 2018

di Claudio De Vito – Una seccatura per Archimede Graziani e i suoi, una necessità per la Lega Nazionale Dilettanti in uno dei tre gironi da venti iniziato tra l’altro con due settimane di ritardo. Alle viste per il girone G c’è il primo di sette turni infrasettimanali (quattro all’andata e tre dopo il giro di boa) che metterà la SSD Avellino a confronto con l’Anzio. Un impegno sulla carta alla portata, ma guai a distrarsi in pieno tour de force.

Questa mattina i biancoverdi sono tornati in campo per la ripresa a ritmo differenziato come accade tradizionalmente nel day after. Riflettori puntati su Ferdinando Sforzini, già non al meglio al suo arrivo in Irpinia e nel pre-Albalonga alle prese con un affaticamento muscolare. L’ariete romano è in ripresa e dovrebbe trovare spazio al “Bruschini” di Anzio soltanto a gara in corso.

Il tandem d’attacco verrebbe di conseguenza composto ancora una volta da Alessandro De Vena e Nicola Ciotola con l’outsider Michael Ventre più defilato ma pronto a scompaginare le gerarchie. Nelle prossime ore saranno valutate in maniera più approfondita le condizioni di Nicolas Mithra che però difficilmente sarà a disposizione per l’esterna laziale. Più probabile invece una sua disponibilità, anche se non piena, per il match casalingo con il Città di Anagni.

Stesso discorso per Tommaso Carbonelli e Patrick Moreschini non ancora recuperati. Il piano under dovrebbe rimanere invariato con quattro baby tutti sulle corsie laterali, a meno che mister Graziani non decida di preferire Andrea Nocerino a Rocco Patrignani nel ruolo di terzino destro. Scalpita anche Alessandro Totaro, generoso e pimpante nei due spezzoni di gara contro Nola e Albalonga. Poco spazio invece per Rafal Urbanski che però può godersi la chiamata in nazionale: dall’8 al 14 ottobre sarà con la Polonia Under 18 per uno stage.

Ad Anzio l’Avellino sarà sostenuto da almeno duecento tifosi pronti a far sentire la loro voce lontano da casa anche in un pomeriggio feriale. Nessuna prevendita è stata attivata dal club locale che metterà i tagliandi in vendita direttamente prima del fischio d’inizio posticipato alle 16. Il settore ospiti, dal costo di 10 euro, può contenere al massimo 355 spettatori, ma i tifosi irpini potranno acquistare anche il biglietto di tribuna riservata solitamente ai supporters locali.

Il match è stato affidato alla direzione arbitrale di Luigi Catanoso della sezione di Reggio Calabria, coadiuvato da Vincenzo Pedone anche lui di Reggio Calabria e Antonio Pizzi di Termoli. Nessuna protesta formale, ma qualche perplessità ha destato il metro di valutazione dell’arbitro Daniele Virgilio di Trapani che contro l’Albalonga ha negato all’Avellino due rigori piuttosto netti (l’atterramento di Alessandro De Vena ammonito per simulazione e il braccio di Manuel Panini sul piazzato di Nicola Ciotola).