Calcio Avellino: ‘ribaltone’ a Barletta. 2 a 3, decide Zigoni

9 febbraio 2013

Barletta – Avellino 2 – 3
Tabellino:
Avellino – (4-3-1-2): Di Masi, Zappacosta, Izzo, Fabbro, Bianco, Massimo, D’Angelo, Angiulli (66’ Millesi), De Angelis (61’ Bariti), Castaldo, Biancolino (47’ Zigoni)
A disp.: Orlandi, Bittante, Arini, Giosa, Millesi, Bariti, Zigoni
All.: Massimo Rastelli
Barletta – (4-2-3-1): Liverani, Calapai, De Leidi, Burzigotti, Romeo, Allegretti, Dezi (89’ Camilleri), Carretta, Meduri (68’ Dall’Oglio), Molina, La Mantia (53’ Barbuti)
A disp.: Pane, Di Bella, Camilleri, Prutsch, Mazzarani, Dall’Oglio, Barbuti
All.: Raffaele Novelli
Arbitro: Daniele Bindoni di Venezia, coadiuvato dagli assistenti Antonino Santoro e Giuseppe Tudisco di Catania
Ammoniti: 13’ Allegretti (B); 23’ La Mantia (B); 24’ D’Angelo (A); 37’ Bianco (A); 50’ Massimo (A); 63’ Castaldo (A);
Espulsi: 87’ Burzigotti (B)
Reti: 59’ Allegretti (B); 69’ Burzigotti (B); 71’ Izzo (A); 79’ Castaldo (A); 84’ Zigoni (A);
Angoli: 5 a 1 per l’Avellino
Recupero: 1’ pt; 4’ st
Note: presenti circa 1.500 spettatori; una cinquantina in biancoverde
Dopo la seconda sconfitta consecutiva rimediata tra le mura del “Partenio – Lombardi” contro il Benevento del tecnico Carboni, l’Avellino cerca il riscatto in terra pugliese contro il Barletta. Dopo il verdetto emesso nella giornata di ieri, dalla Corte di Giustizia Federale, riguardo alla gara Paganese – Latina, i lupi vogliono conquistare la vetta della classifica. Novità in casa biancoverde sulla formazione schierata in campo dal tecnico Rastelli. Collaudato il 4-3-1-2 con: Di Masi tra i pali (per lui esordio in Campionato) al posto di Fumagalli (per l’ex Juve Stabia un turno di riposo); in difesa riconfermato Zappacosta sulla fascia destra preferito a Bittante, al centro Izzo e Fabbro che rientra da un turno di stop, sulla fascia sinistra Bianco al posto di Pezzella, sottotono nelle ultime gare; a centrocampo Massimo, D’Angelo e Angiulli che riconquista la fiducia dell’allenatore nella settimana di preparazione e, dunque, Millesi parte dalla panchina; De Angelis dietro alle due punte Castaldo (che rientra dal turno di squalifica) e Biancolino. Risponde il Barletta con il (4-2-3-1) che vede: Liverani in porta; Calapai, De Leidi, Burzigotti e Romeo in difesa; Allegretti e Dezi a centrocampo; Carretta, Meduri e Molina dietro la punta La Mantia.

La cronaca del match
PRIMO TEMPO: fischio d’inizio alle 16.00 al “Cosimo Puttilli” di Barletta. Si gioca l’anticipo della 20^ Giornata del Campionato Lega Pro di Prima Divisione, Girone B, tra Barletta ed Avellino. Il primo tempo si apre al 15’ minuto di gioco. Su sviluppo di un calcio di punizione, battuto da Allegretti, De Leidi tenta la conclusione. La sfera termina sul sette. Grande opportunità per i padroni di casa che sfiorano il vantaggio. L’Avellino di Rastelli risponde al 32’. Passaggio di Angiulli per Castaldo che, con un diagonale, non impensierisce Liverani. Il rettangolo di gioco è una palude e, di calcio giocato, se ne vede ben poco anche se, grinta e determinazione, non mancano ai lupi, vogliosi di sopraffare gli avversari. Al 45’, ghiotta occasione da gol per la squadra ospite. Angiulli serve Biancolino ma la conclusione del ‘pitone’ è troppo debole e l’estremo difensore biancorosso blocca senza difficoltà. Daniele Bindoni di Venezia concede un solo minuto di recupero poi manda tutti a prendere il tè.

SECONDO TEMPO: piove ininterrottamente sul “Puttilli” di Barletta e, le pessime condizioni del terreno di gioco, continuano a condizionare la gara. Il tecnico Rastelli sostituisce Zigoni con Biancolino dal 1’ della ripresa. Al 47’ De Angelis, di testa, appoggia per Gigi Castaldo che tenta il tiro. La sfera termina di poco al lato della porta difesa da Liverani. Al 59’ padroni di casa in vantaggio. Su sviluppo di un calcio di punizione, Allegretti sblocca il risultato spedendo la sfera nell’angolino basso alla destra di Di Masi. Barletta 1, Avellino 0. La sconfitta contro la Paganese prima, con il Benevento poi, riaffiorano nelle menti degli undici lupi di Rastelli. La gara diviene cinica e nervosa. Al 66’ cross di Bariti tra le braccia del numero uno del Barletta. Al 69’ i padroni di casa tirano un sospiro di sollievo. Su punizione, Allegretti serve Burzigotti che, di testa, sigla il bis. Immediata la risposta dell’Avellino. Su sviluppo di un calcio di punizione, battuto da Bianco, Izzo risponde ai pugliesi. 2 a 1 e c’è ancora da lottare e da soffrire. Al 79’ gran pasticcio della difesa di casa. Ne approfitta super Castaldo che sfrutta un rimpallo e riapre la contesa. Bella reazione quella dei biancoverdi che, all’84’ firmano il tris con l’ultimo rinforzo del mercato di gennaio Zigoni. L’esperto e altruista Castaldo serve l’ex Pro Vercelli che sorprende Liverani. Nervi tesi per il Barletta e Burzigotti si fa espellere all’87’ per un brutto fallo commesso su Izzo. L’Avellino conquista un’importante vittoria. Dopo due sconfitte consecutive è proprio ciò che serve al morale e soprattutto alla classifica. Seppur parzialmente, i lupi assaporano nuovamente il primato.(di Anna Vecchione)