Calcio Avellino-Reja:’Avellino squadra compatta e con una grande difesa’

13 giugno 2005

La delusione ce l’ha dipinta sul volto. Eddy Reja si aspettava un risultato diverso e non riesce a dissimulare il proprio stato d’animo quando raggiunge i cronisti in sala stampa. Il suo Napoli ha cercato più volte la rete del vantaggio ma ha sempre mancato di quella lucidità e precisione. In più la retroguardia irpina ha blindato la propria aria rendendo le cose molto più difficili per gli azzurri. “Il Napoli – afferma l’ex tecnico del Cagliari – ha giocato sicuramente meglio nella ripresa. Siamo riusciti a mettere l’Avellino sulle corde. Anche nella prima frazione di gioco abbiamo sviluppato un buon gioco creando delle buone occasioni ne ho contate almeno tre. I nostri avversari sono stati bravi aa chiudere tutti gli spazi sulle fasce e a chiudere ogni varco. Questo ci ha creato delle difficoltà”. Sulla scelta di gettare nella mischia un altro attaccante Reja afferma: “A noi il pareggio di certo non andava bene. Ho messo in campo un altra punta per tentare di scardirare la retroguardia irpina. L’Avellino però, ha dimostrato di essere ancora una volta una squadra compatta con una grande difesa. Al Napoli è mancata la finalizzazione, mai una palla alta per Calaiò e Sossa in modo da poter sfruttare le loro doti aeree. Nel finale abbiamo rischiato con l’occasione sprecata da Millesi ma, potevamo anche chiudere la partita se Pià avesse gettato la palla in rete quasi allao scadere”. Mister ora la situazione è tutta in salita per la sua squadra? “Le speranze sono intatte. L’Avellino ora ha leggermente qualche chance in più ma, non credo che faranno la stessa partita al ritorno”. In che senso? “Non credo che si chiuderanno così. Non possono rischiare in casa. Se noi facciamo gol loro difficilmente potranno rimontare”.