Calcio Avellino, il Partenio-Lombardi resta un tabù

Calcio Avellino, il Partenio-Lombardi resta un tabù

4 settembre 2018

di Claudio De Vito – Il Calcio Avellino continua a sfiorare l’idea di allenarsi al Partenio-Lombardi diventato un vero e proprio tabù da sfatare a colpi di burocrazia. La truppa di Archimede Graziani infatti anche oggi si allenerà altrove. Non più a Sturno, salutata sabato, ma al Country Sport dove la ripresa degli allenamenti è stata fissata alle 16. Quantomeno i biancoverdi avranno la possibilità di prendere confidenza con il sintetico. La classica magra consolazione.

Alla base dell’ulteriore rinvio per il trasloco allo stadio Partenio, l’assenza di alcune autorizzazioni in materia di pubblica sicurezza che non consente l’apertura al pubblico dell’impianto di contrada Zoccolari. Spalti off-limits dunque. Una criticità che se non risolta in tempi brevi rischia di compromettere anche la disputa del match di coppa con il Nola in programma domenica alle 15. In più la famosa delibera (di ratifica dell’accordo per l’utilizzo del Partenio-Lombardi) è slittata a questo pomeriggio quando si riunirà la giunta di Palazzo di Città.

Il Calcio Avellino avrebbe potuto allenarsi al Partenio-Lombardi, ma ha preferito non farlo in virtù della forzata assenza dei tifosi. Circostanza che mette il freno a mano anche alla prevendita dei tagliandi per la prima con i nolani.

Nell’arco della mattinata invece sciolto il nodo che in caso contrario avrebbe contribuito ad aggravare la situazione. Walter Taccone infatti si è attivato pagando parte del debito di 60mila euro con l’Alto Calore Servizi che, preso atto del piano di rientro, ha ripristinato la fornitura idrica allo stadio.

Nel frattempo, lo stesso Taccone ha ribadito “disponibilità massima ed immediata all’utilizzo, a favore del Calcio Avellino SSD, di tutti i locali, pronti a essere occupati e, in particolare, di tutte le attrezzature presenti – compreso quanto di esclusiva proprietà di questa società, su tutti: il manto erboso in sintetico, le panchine – già disponibili, per il periodo indicato nell’accordo economico tra le parti, e in maniera assolutamente gratuita”.

“Si evidenzia, inoltre, che le utenze sono correttamente allacciate e le forniture sono erogate regolarmente – si legge nella nota del club di Taccone – pertanto non esistono motivi che possano ostacolare o addirittura impedire l’accordo tra le parti e soprattutto la regolare attività della squadra del Calcio Avellino SSD”.

Intanto però oggi l’appuntamento è a Picarelli per i ventisei di mister Graziani alle prese con le difficoltà logistiche messe in preventivo ma che minano la serenità del gruppo. Si avvicinano gli impegni ufficiali, il Nola e poi il campionato al via il 16 settembre con il calendario che sarà varato domani alle 14. Nelle prossime ore sarà valutato l’ingaggio di Ferdinando Sforzini: l’ariete romano sarà tesserato soltanto se convincerà sul piano fisico.