Calcio – Avellino: lupi a caccia di una vera identità

26 ottobre 2011

L’Avellino non è ancora uscito allo scoperto. La formazione biancoverde allenata da Giovanni Bucaro non hai mai mostrato progressi, anzi ha avuto semmai una vera e propria involuzione. Nell’ultima gara al “Partenio-Lombardi” con la Ternana, le ultime sciagure. Sarà l’inesperienza di un gruppo giovane, alle prime armi in Prima Divisione, ma c’è un limite a tutto. Le reti incassate, prima a Monza e poi domenica scorsa, sono arrivate tutte da mancate diagonali dei difensori. Si è partiti con un 4-3-3 iniziale, poi contestato perchè si diceva che non vi erano i calciatori giusti per operare con un modulo zemaniano. Bene, i lupi sono passati ad un 4-4-2 guardingo, che subito ha portato bene in quel di Viareggio. Poi però, Sorrento, Ternana e Pro Vercelli, anche con il nuovo modulo, ce le hanno letteralmente suonate, mentre il Carpi, solo per sfortuna, non è riuscito a fare bottino pieno ad un Partenio che ormai è terra di conquista.
Domenica, a Foggia, l’ennesima novità. Il ritorno del tanto decantato Simone Puleo. Scelta oculata, quella della società, stanca di intervenire sempre sul mercato. Il “nuovo acquisto” made in Avellino domenica prenderà il posto di Porcaro.