Calcio a5/Femminile – Talea, che peccato! stop con Teverola: 4-3

14 febbraio 2010

Avellino – Il Royal Teverola si impone in casa della Talea con il risultato di 4 a 3. Brutta sconfitta per le lupacchiotte di mister Minetti. La Talea scende in campo con Perna, Moschella, Alvino, Pugliese e Roberto, mentre la compagine ospite si oppone con De Luca, Provenzano, Bottiglieri, Santi e Marino.
Ospite arcigno, rude, ben messo in campo, disposto a vendere cara la pelle, dopo le ultime prestazioni sotto tono.
Le lupacchiotte sbloccano al sesto il risultato, Roberto si invola, superando in velocità la Provenzano, battendo De Luca e insaccando nell’angolo opposto a quello di tiro.
Teverola solido, non si smarrisce, perviene al pareggio con Santi al sedicesimo, un suo tiro dal limite, deviato da Moschella, diventa imparabile. Le due squadre si fronteggiano ad armi pari, il match diviene un duello in ogni zona del campo, una gara a scacchi. Irpine che sfiorano il vantaggio con Pugliese e Raccioppi, anticipata di un soffio di testa dal portiere casertano sul finire del tempo. Le biancoverdi alzano il ritmo: De Luca, pipelet casertano sfodera il meglio del suo repertorio e nega la gioia del goal in almeno quattro occasioni. L’estremo difensore non può nulla al settimo, Pugliese elude la sua uscita e Racioppi deposita in rete a porta vuota. Le ragazze di Terra di Lavoro macinano il gioco con Santi e Bottiglieri, pervengono al pareggio al tredicesimo, con Provenzano che impatta direttamente da calcio piazzato. Le biancoverdi generosamente cercano il vantaggio, pagano dazio su una disattenzione, si riversano in massa nell’area avversaria: De Luca imbecca Marino che, da sola, controlla e batte Perna. La squadra di casa sbanda, le ciniche ospiti un minuto dopo raddoppiano il vantaggio con Marino, abile ad infilare un diagonale di pregevole fattura. La Talea getta il cuore l’oltre l’ostacolo, ma De Luca spegne le possibilità di rimonta, quando evita la capitolazione sulla Roberto, lanciata a rete al venticinquesimo. Al ventinovesimo D’Angelo accorcia con un potente tiro sotto la traversa. Dopo tre minuti di recupero, l’arbitro decreta la prima sconfitta casalinga della Talea, lasciando delusi gli appassionati che numerosi e vocianti, hanno affollato la tendostruttura.