Bufera sulla gestione del Cgs, cinque avvisi di conclusione delle indagini

Bufera sulla gestione del Cgs, cinque avvisi di conclusione delle indagini

4 febbraio 2016

La Procura della Repubblica di Avellino ha chiuso le indagini su cinque persone per la gestione del Cgs, la partecipata dell’Asi di Avellino che si occupa della depurazione nelle aree industriali in Irpinia.

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de Il Quotidiano del Sud, nel mirino dei pm di piazza D’Armi sarebbero finiti assunzioni, contratti di lavoro e contributi previdenziali non versati.

Avvisi di conclusione delle indagini sono stati inviati ai vari amministratori del Consorzio che negli anni si sono alternati sullo scranno del CdA.

Sarebbero stati raggiunti da avviso di conclusione indagini Enza Ambrosone (alla guida del Cgs fino al 2013), Carmine Casarella, l’attuale presidente dell’Asi Giulio Belmonte, Roberto Gennarelli, alla guida dal 2008 al luglio 2011 e l’attuale commissario liquidatore Luigi Palmieri.

Per tutti si ipotizza il reato di truffa ai danni dello Stato.