Bufera Pdl, D’Ercole non replica. Battista: “Da qui non mi muovo”

9 dicembre 2011

“La mia cultura politica mi impone di risolvere le questioni interne al partito evitando esternazioni sulla stampa. Ovviamente non condivido nulla di ciò che ha detto Sorece ma se ci sarà un chiarimento avverrà in forma privata”. Il capogruppo del Pdl in Consiglio, Giovanni D’Ercole, dunque, sceglie di non alimentare la polemica avviata dal compagno di partito Orazio Sorece. Nessuna replica ufficiale, quindi, alle accuse di essere sempre più vicino alle posizioni del sindaco democratico Giuseppe Galasso e di cerchiobottismo.

Anche Nicola Battista, consigliere comunale del Pdl, prende le distanze dalla denuncia effettuata dal collega Orazio Sorece, che tra le altre cose, ha chiesto le dimissioni di D’Ercole. “Apprendo dai giornali di stamane di essere coinvolto in una querelle tutta interna al gruppo consiliare del PDL al Comune di Avellino – evidenzia -. Intendo chiarire subito che non mi sento assolutamente coinvolto nella questione. Appartengo e mi sento interno a pieno titolo al gruppo consiliare del PDL e più in generale al Partito in completa linea con il mandato conferitomi dagli elettori nelle ultime elezioni e intendo restarci. Chiarita senza alcun ombra la mia posizione all’interno del Gruppo Consiliare, ribadisco, anche se non è necessario, la mia incondizionata fiducia nei vertici provinciali del PDL e in particolare alla figura del Senatore Cosimo Sibilia che nonostante tutto è sempre di più il punto di riferimento per il PDL Provinciale, Regionale e Nazionale. Rispetto le posizioni personali, ma come ho già personalmente riferito all’interessato, trovano il tempo che trovano visto che non possono essere condivise né possono essere capite, specialmente quando si imperniano in un momento che invece dovrebbe trovare unità alla luce delle vicende sia di politica generale sia di vita interna del partito”.