Bruno lancia la sfida Its a Grottaminarda: “Vogliamo creare lavoro, non posti”

Bruno lancia la sfida Its a Grottaminarda: “Vogliamo creare lavoro, non posti”

2 ottobre 2018

Marco Grasso – “Creeremo lavoro e opportunità in Irpinia, non posti”. Il presidente di Confindustria Giuseppe Bruno alza il sipario sulla nuova sfida dell’Its a Grottaminarda. Dedicato alla meccatronica, disciplina che contempla meccanica, elettronica e informatica e inserito nel contesto didattico dell’Istituto Tecnico Industriale di Grottaminarda, il nuovo progetto formativo sarà gestito da una Fondazione alla quale parteciperanno 40 aziende, tra cui diverse multinazionali, istituti tecnici superiori e università.

L’obiettivo dell’Istituto Tecnico Superiore è garantire una formazione specialistica per inserire, al termine del percorso di studi, risorse umane capaci di supportare le aziende nella sfida di Industria 4.0. Il percorso dell’Its promosso da Confindustria Avellino privilegia una didattica esperienziale dove l’apprendimento si realizza attraverso l’azione e la sperimentazione in azienda con stage e percorsi di apprendimento.

La partecipazione al corso di studi, riservato a giovani dai 18 ai 35 anni in posseso di titolo di studi di scuola secondaria superiore, avviene dopo una selezione per titoli ed esami sulla base del bando reperibile sul sito internet della fondazione (www.itsantoniobruno.it) in scadenza il prossimo 8 ottobre. Al momento sono un quarantina le domande pervenute.

Al termine del percorso biennale si consegue il titolo, riconosciuto a livello nazionale ed europeo, per la figura di tecnico superiore per l’automazione ed i sistemi meccatronici con implementazione di Industry 4.0. Si interverrà su tutto i segmenti della filiera meccanico-meccatronica, dalla produzione alla commercializzazione.

“La scelta del meccatronico è nata con lo scopo di operare sul territorio, per i giovani e per le aziende contribuendo a creare un circolo virtuoso di formazione, inserimento lavorativo, sviluppo economico e competitività”, precisa Bruno.

I dati nazionali riportano una percentuale di occupati pari all’80% dei formati negli ITS nel 2017. “Il valore aggiunto – precisa Bruno in conferenza stampa con i componenti della giunta della Fondazione – è la formazione di profili professionali in linea con le reali esigenze e aspettative delle imprese”.

“Siamo convinti che anche al Sud, e nella nostra provincia in particolare, si possano creare opportunità di lavoro. L’importante – aggiunge Bruno – è saper leggere il mercato e ascoltare le imprese. Il nostro istituto, come del resto confermato dalla composizione della Fondazione, opererà in stretta sinergia con il tessuto produttivo della nostra provincia”.

Soddisfatto anche il sindaco di Grottaminarda Angelo Cobino che metterà a disposizione della scuola gli ex locali della Pretura. “Il nuovo percorso di formazione rappresenta un’occasione straordinaria per il nostro territorio e i nostri giovani. Ci sono tutte le premesse per dar vita ad un circuito economico-sociale virtuoso in grado di aprire nuove prospettive per l’Irpinia”.