Bonavitacola “difende” Ciarcia: “Secondo me è un piano serio. Certo, 140 mln di debiti sono tanti”

Bonavitacola “difende” Ciarcia: “Secondo me è un piano serio. Certo, 140 mln di debiti sono tanti”

15 aprile 2019

La Regione Campania, rappresentata al tavolo in Provincia dal vicepresidente Fulvio Bonavitacola, sembra essere più indulgente rispetto ai numeri ed alle cifre presentati dall’amministratore unico di Alto Calore.

“Abbiamo difronte un piano secondo me serio, un piano di discontinuità – afferma Bonavitacola -. Certo, occorre poi passare all’azione ma, ripeto, ci sono elementi di novità che non vanno sottovalutati. Rimane una sofferenza di 140 milioni di debiti, per questo occorre un intervento straordinario, l’ipotesi residuale è quella dei soci, i Comuni, ma tutti sappiamo le condizioni oggi degli enti locali. Non so quanto sia possibile un intervento di Cassa Depositi e Prestiti. Personalmente, credo che un tentativo vada fatto, occorre che Ciarcia apra un’interlocuzione con i dirigenti di Cassa Depositi e Prestiti, in modo tale che questi dieci giorni non trascorrano invano. Iniziamo a verificare se c’è la disponibilità della Cassa. La Regione, dal canto suo, manterrà gli impegni presi e finanzierà quegli interventi necessari all’adeguamento delle reti idriche. Sotto questo punto di vista, sono confortato anche dalla delibera del Consiglio di Distretto dell’Ente Idrico Campano”.

“Sono ottimista, spero che alla fine si troverà una quadra”, afferma invece l’amministratore unico di Alto Calore, Michelangelo Ciarcia. “A fine mese, ci sarà l’assemblea. I sindaci, in quella sede, potranno prendere ogni decisione, anche in merito alla discontinuità”.