“Chiuso per bomba”, devastata la sede storica della pizzeria Sorbillo

“Chiuso per bomba”, devastata la sede storica della pizzeria Sorbillo

16 gennaio 2019

Una bomba è esplosa nella notte davanti alla storica pizzeria Sorbillo. L’ordigno piazzato all’ingresso del locale in via Tribunali 32, nel cuore del centro storico di Napoli, ha provocato ingenti danni soprattutto alla parte esterna dell’edificio.

Fortunatamente l’esplosione non ha avuto conseguenze per le persone, nonostante la presenza di un dipendente all’interno della pizzeria. Ma tanta è stata la paura per il forte boato avvertito dei residenti.

“Chiusa per bomba la pizzeria Sorbillo” è lo stesso Gino Sorbillo, con una foto su Facebook, a commentare l’episodio che ha scosso l’intera città, ricordando come il brand ormai famoso in tutto il mondo e simbolo dell’eccellenza campana, fu preso di mira già cinque anni fa, allorquando la sede storica venne distrutta da un incendio.

“Mi scuso con tutte le persone che sono rimaste scosse da quest’ennesima cattiva notizia – ha commentato ancora il maestro pizzaiolo – A Napoli e dintorni esistono persone straordinarie e positive  che vivono veramente con tanto amore verso gli altri. Mi scuso con la Napoli “buona”, con l’Italia “buona” e con tutte le persone che vivono onestamente perché certi avvenimenti così forti ed eclatanti fanno cadere le braccia e demoralizzano la società.”

“Sono stato nell’Arma dei carabinieri ed ho scelto di fare il pizzaiolo perché amo troppo la mia città e la amerò per sempre – ha aggiunto Sorbillo – La Napoli “sana” è sempre nel mio cuore”.