Bomba carta contro lo studio dell’avvocato Bizzarro

Bomba carta contro lo studio dell’avvocato Bizzarro

10 febbraio 2016

Dopo qualche settimana dal vile attentato di Cervinara (bomba carta nei pressi dell’abitazione del sindaco Filuccio Tangredi), un altro ordigno confezionato a mano è stato fatto esplodere contro la porta dello studio legale dell’avvocato Raffaele Bizzarro a Lauro. L’esplosione ha danneggiato gravemente l’entrata dell’ingresso secondario dello studio, scatenando momenti di paura tra i condomini di via Tito e Costanzo Angelini.

L’episodio si è verificato intorno alle 19 di ieri sera, quando lo studio del penalista era vuoto, per cui l’allarme è stato lanciato dai vicini spaventati dalle fiamme. I militari dell’arma sono intervenuti prontamente allertando lo stesso avvocato Bizzarro.

Secondo le prime ricostruzioni dell’accaduto, gli ignoti attentatori hanno lanciato l’ordigno dalla parte esterna dello stabile, ovvero da alcuni terreni che confinano con l’edificio.

Bizzarro è un avvocato penalista con circa 40 anni di professionalità alle spalle e si è trovato spesse volte in processi di criminalità organizzata della provincia avellinese e nolana. E’ infatti lo storico legale della famiglie malavitose Cava e Graziano di Quindici, ed è anche l’avvocato di alcuni componenti del clan Russo di Nola. Ovviamente la sua attività professionale è la prima pista battuta dagli investigatori per risalire ai nomi degli attentatori. Tra l’altro la porta secondaria dell’ufficio di Bizzarro era nota soltanto a coloro che avessero frequentato lo studio.

Gli interrogatori dei carabinieri proseguono, soprattutto alla ricerca di testimonianze atte a riconoscere gli assalitori, ma si cercano anche possibili tracce nei terreni adiacenti lo studio da cui è stata lanciata la bomba.