Bloody Money, D’Amelio fa le veci dell’assente De Luca: “Fiducia nella magistratura”

Bloody Money, D’Amelio fa le veci dell’assente De Luca: “Fiducia nella magistratura”

20 febbraio 2018

Renato Spiniello – Manca solo il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca alla convention organizzata dal Partito Democratico presso l’ex biblioteca comunale di Atripalda. In sala, ad attendere il numero uno di Palazzo Santa Lucia, oltre ai numerosi cronisti, anche diversi sindaci, tra cui Paolo Foti e Giuseppe Spagnuolo, amministratori, consiglieri comunali e regionali e, ovviamente, militanti e simpatizzanti dem.

Al tavolo i candidati Pd alle politiche del 4 marzo Luigi Famiglietti, Valentina Paris, Umberto Del Basso de Caro e Stefano Graziano, la Presidente del Consiglio Regionale Rosetta D’Amelio, l’ex senatore Enzo De Luca e l’alleato, anch’esso in lizza per un posto a Montecitorio nella coalizione di centrosinistra, Angelo D’Agostino.

L’incontro, in cui era annunciata la presenza del Governatore, arriva proprio a poche ore di distanza dalla messa in onda del terzo video dell’inchiesta di Fanpage, denominata “Bloody Money”, su appalti per lo smaltimento dei rifiuti in Campania. Sulla vicenda è in corso un’inchiesta della Procura di Napoli, che vede indagati per corruzione, tra gli altri, il figlio di De Luca Roberto e il candidato Fdi e consigliere regionale Luciano Passariello. All’elenco degli indagati, per induzione alla corruzione, è iscritto anche il direttore del sito online napoletano.

“Piena fiducia nella magistratura – ha detto Rosetta D’Amelio in apertura di convention, facendo le veci proprio dell’assente De Luca – ringraziamo la stampa per il lavoro democratico che svolge purché questo sia svolto nei limiti della costituzione. Certo che chi ha sbagliato, se lo ha fatto, dovrà pagare”.

“Inchieste ed indagini sono legittime – aggiunge la deputata uscente Valentina Paris – ma mi aspetto titoloni anche quando queste vengono archiviate e non solo quando risaltano maggiormente all’opinione pubblica”.