Benevento chiede annullamento provvedimento Prefetto Avellino

27 gennaio 2013

Con riferimento al provvedimento del Prefetto di Avellino che, nella giornata di venerdì, ha disposto che per l’incontro di calcio Avellino – Benevento, in programma il 3 febbraio 2013 allo stadio “Partenio”, la vendita dei biglietti avvenga solo in favore dei residenti nella Provincia di Avellino, il Benevento Calcio ha impugnato il provvedimento conferendo l’incarico all’avvocato Teodoro Reppucci per richiederne l’annullamento.
«Il provvedimento del Prefetto di Avellino – spiega l’avvocato Reppucci – di inibitoria nei confronti della tifoseria ospite è giuridicamente illogico ed abnorme, oltre che si pone sotto il profilo “sanzionatorio” eccessivamente sproporzionato, nel momento in cui esclude la tifoseria ospite non per ragioni di ordine pubblico, ma per questioni tecniche, legate ad asseriti inadempimenti della società ospitante. Il Prefetto – continua l’avvocato Reppucci – ben poteva, in accordo con la società Avellino calcio, prevedere la collocazione della tifoseria ospite in altri settori dello stadio, piuttosto che inibirne la presenza, evitando, così un provvedimento alquanto discutibile, e che sarà impugnato nelle sedi opportune». Lunedì verrà depositato un ricorso in autotutela presso la prefettura di Avellino, con il quale si chiederà l’annullamento e/o la modifica del decreto del prefetto. Nell’ipotesi di conferma da parte del prefetto si adirà il Tar con la procedura d’urgenza – in audita altera parte- per richiedere l’annullamento del citato provvedimento».