Belmonte(Asi) a Pianodardine: “Più dignità a chi investe in Irpinia”

15 dicembre 2011

Nuova tappa nelle aziende per il Presidente dell’Asi, che dopo aver incontrato gli imprenditori della Valle Caudina, nella giornata di ieri, ha fatto visita agli industriali insediati nell’area di Pianodardine. Accompagnato dal Sindaco di Montefredane, Valentino Tropeano e dal responsabile dei rapporti con le aziende, Alfonso Del Giudice, Giulio Belmonte ha voluto conoscere meglio alcune delle realtà produttive dell’area al confine col capoluogo, con le quali si è impegnato a collaborare, al fine di individuare, in tempi rapidi, soluzioni alle problematiche emerse.
Gli imprenditori hanno sollecitato diversi tipi di interventi: dalla realizzazione di una rete di pubblica illuminazione, ad una maggiore pulizia delle strade e delle aree verdi, dall’assenza di collegamenti per il trasporto pubblico, alla maggiore sicurezza dell’area. In particolare è stata sollevata la questione del raccordo ferroviario, che non è mai entrato in funzione, nonostante i lavori siano stati completati già da tempo e la questione della metanizzazione dell’area industriale. Il Presidente Belmonte ha garantito che si farà portavoce, sia presso le Ferrovie dello Stato che presso la Società Snam Rete Gas, affinche si individuino soluzioni mirate a rendere più vivibile l’intera area. Tra le proposte emerse anche quella di costituire un Consorzio di imprese per l’energia alternativa.
Il Presidente Belmonte, che subito dopo le feste, continuerà il tour nelle aziende di Pianodardine, si è anche impegnato ad organizzare un incontro pubblico con tutti gli industriali, le istituzioni e la classe politica irpina, affinchè si discuta apertamente delle istanze sollevate dagli operatori economici e si individuino, insieme, soluzioni e proposte.
Nell’iniziativa saranno coinvolti tutti i sindaci dei Comuni ricadenti nell’area di Pianodardine. “L’obiettivo- ha spiegato Belmonte- è quello di dare una maggiore dignità al lavoro di chi ha investito nella nostra provincia, contribuendo, in maniera rilevante, alla crescita economica ed occupazionale della nostra Irpinia”.