Basket – Green e Thomas trascinano l’Air: 83-76 su Biella /FOTO

20 marzo 2011

Avellino – La pausa del campionato ha fatto bene all’Air di Avellino che supera al Del Mauro l’Angelico di Biella con il finale di 83 a 76. Trascinati da un super Thomas formato All Star (29 punti) i biancoverdi di Vitucci hanno avuto così la meglio sui biellesi di Cancellieri al termine di un match che ha visto almeno due fughe in avanti degli irpini, prontamente recuperati dagli avversari. Decisivo lo scatto dell’ultimo quarto e più in generale l’andamento difensivo avellinese del secondo tempo. Avellino quasi perfetta dalla linea della carità (22/24), meno dalla distanza dove però è risultato preziosissimo Doum Lauwers (18 punti e 4/6 da tre). Solita partita di puro agonismo e classe di Green (21 punti ma ‘soli’ 4 assist).
All’ultimo riposo Avellino era avanti di 10, 67 a 57. L’Air Avellino poi aveva dilapidato il vantaggio di 8 punti accumulato nel primo quarto di gara contro Biella – grazie agli 11 punti messi a segno da Doum Lauwers – e va al riposo lungo sul punteggio di 44-43 per Biella.
Nella seconda frazione infatti i ragazzi di Cancellieri (4/7 da tre contro lo 0/5 di Avellino) trascinati da Salyers e Sosa, da un negativo di -10 avevano agguantato e superato Avellino.

FOTOGALLERY Le foto di Avellino-Biella

PRIMO QUARTO – Coach Frank Vitucci, tecnico dell’Air Avellino, manda in campo Green in cabina di regia, Lauwers e Thomas esterni e Johnson e Szewczyk negli spot di ‘5’ e ‘4’. Risponde Massimo Cancellieri con Sosa, Chessa, Viggiano, Suton e Salyers.
Biella parte sparata in quarta e in 55” confeziona un primo break di 8-0 con Chessa e Salyers che fanno male da tre. Ma Thomas suona la carica e capovolge il risultato in un batter d’occhio (9-8 al 3’). I punti di vantaggio dell’Air aumentano a 7 dopo le triple di Green e Lauwers e grazie anche ai due liberi di Szewczyk (19-12 al 5’).
Due palle perse in attacco di Avellino danno modo a Sosa di riportare Biella a galla (19-20) ma è lo stesso dominicano dell’Angelico a patire la marcatura asfissiante del folletto biancoverde: Cancellieri si rifugia nel primo time out del match (25-20 all’8’). Si ritorna in campo e Lauwers (già 11 punti) ne approfitta per colpire ancora dalla distanza: Avellino chiude il primo quarto avanti di 8, 28 a 20.

SECONDO QUARTO – C’è Soragna in campo per i lanieri nel secondo quarto ma Avellino arriva pronti-via alla doppia cifra di vantaggio dopo il jumper di Thomas (30-20 all’11’). Biella si rifà viva e con Salyers e Moraschini confeziona un mini break di 6-0 che riporta gli ospiti a distanza di sicurezza (30-26 al 13’). C’è da ragionare e Vitucci chiama così timeout.
Il black-out biancoverde continua, gli irpini fanno a botte col ferro e il ‘baby’ Moraschini punge da tre per la seconda volta: Biella rimette il naso avanti (34-35 al 15’). Ma l’inerzia della gara non si sposta nonostante le triple messe a segno da Chessa e Suton (41-41 al 19’). All’intervallo lungo si va con Biella avanti di 1, 43-44.

TERZO QUARTO – Pronti via e Johnson inchioda la bimane del nuovo +1 per l’Air Avellino. Risponde Chessa per Biella con la sua terza tripla della gara ma Avellino mette a segno un parziale di 6-0 grazie ai tiri pensanti di Lauwers e Szewczyk e si riporta in avanti a due possessi di distanza dagli ospiti (65-50 al 25’). Cancellieri corre ai ripari e chiama il minuto di sospensione; al rientro tegola per Vitucci che deve fare i conti con il quarto fallo del polacco di Stettino. Avellino sembra aver preso più confidenza con la palla. E’ il momento giusto per dare lo strappo decisivo alla gara: prima Green e poi Thomas vanno a segno, allungando fino al +14 per i locali (65-51 al 27’). Il nuovo timeout chiamato da Cancellieri porta al rientro in campo un piccolo parziale di 6-0 per i biellesi che riducono così il gap (65-57 al 29’). All’ultimo riposo si va sul 67-57 per Avellino.

ULTIMO QUARTO – Biella, trascinata da Jurak, allunga il parziale di ulteriori 8 punti (parziale aperto 14-2) e si rifà sotto 67 a 65 (33’). Si risolleva in fretta Avellino e con Thomas si riporta a +8 punti di vantaggio (77-69 al 38’). Quando poi Green alza al cielo il più alto degli arcobaleni, il pubblico del Del Mauro esplode in una euforica festa. Biella non si da per vinta e in pochi secondi recupera 5 punti (Chessa ancora protagonista da tre): Vitucci chiama timeout a 43” dalla fine con il punteggio fermo sul 79 a 74 per Avellino. La sostanza non cambia perché Avellino trionfa alla fine e chiude il match 83-76.

AIR AVELLINO-ANGELICO BIELLA 105-101
(28-20; 43-44; 67-57)

AVELLINO: Green 21, Barbaro ne, Cortese, Spinelli, Lauwers 18, Casoli 2, Infanti, Iannicelli ne, Bokolishvili ne, Szewczyk 9, Thomas 29, Johnson. All.: Vitucci

BIELLA: Slaughter 6, Soragna 4, Moraschini 6, Sosa 13, Suton 11, Cuccarolo ne, Chessa 14, Viggiano 1, Salyers 15, Jurak 6. All.: Cancellieri